Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2017

Suicidi in carcere: rimettiamo al centro della opinione pubblica la questione carceraria

Suicidi in carcere: un approfondimento

Prima del suicidio, a fine agosto, di un giovane detenuto nel carcere don Bosco di Pisa ce ne sono stati, solo nel 2017, altri 29; questi dati confermano la necessità di portare al centro della attenzione la questione carceraria.

Nei carceri italiani si muore anche per malattie contratte tra le sbarre, molti istituti di pena sono strutture obsolete, il sovraffollamento è una costante in tutta la penisola e lo stesso Ministero di Grazia e Giustizia ha emesso piu' di una circolare per la prevenzione dei suicidi.


Tra le cause dei sucidi c'è sicuramente una condizione disumana o la impossibilità di avere vicino i familiari, per i detenuti non soggetti a censura potrebbero essere incrementate le autorizzazioni perle telefonate, il coinvolgimento dei detenuti in percorsi di recupero (studio, lavoro e socializzazione) sono sicuramente inadeguate.

Il ricorso all'isolamento è un altro dei problemi che genera patolo…

Dossier Viminale :quali sono le emrgenze del paese?

Dossier Viminale e la vulgata securitaria *


*a cura della redazione pisana di Lotta Continua


Ci sono alcuni dati incontrovertibili nel dossier pubblicato sul sito del Viminale a Ferragosto.

Per esempio, i sequestri di aziende in possesso della criminalità organizzata sono stati di gran lunga inferiori a quelli del 2016, lo stesso vale per le confische. Stiamo parlando non solo di numeri (derivanti dal monitoraggio del Ministero) ma anche del valore dei beni sequestrati.

La lotta al degrado urbano fortemente voluta dalla Legge Minniti è repressione degli ultimi, dei migranti e dei richiedenti asilo, degli occupanti di casa e degli operai in lotta ma sul fronte della lotta al grande crimine si fanno decisi passi indietro. Questa lettura viene confermata dai tagli al fondo unico per la giustizia destinato alla lotta alla criminalità organizzata .

Tanto impegno profuso per il contrasto dell’abusivismo commerciale e dei piccoli reati a discapito della lotta contro la criminalità organizz…
NO AI LICENZIAMENTI IN NOME DEL PROFITTO

Se il 95% della produzione TMM arriva da commesse Piaggio, i licenziamenti degli 85 operai/e sono da attribuire a Colaninno e alla sua sete di profitti.

Non ci risulta che sia stato brevettato un mezzo Piaggio senza marmitta, ragione per cui questa produzione potrebbe realizzarsi altrove, magari in un paese dove la forza lavoro costa pochi spiccioli. Concreto è il pericolo che la produzione sia o de localizzata o ridistribuita solo per ridurre maestranze operaie e costi di produzione.

Non va solo ritirata la procedura di licenziamento per la Tmm, Piaggio deve impegnarsi a lasciare la commessa della produzione di marmitte sul territorio della Valdera continuando a dare lavoro agli 85 operai/e, oppure reinternalizzare la produzione e gli operai dentro il gruppo di Colaninno.

Chi oggi tende a ridimensionare le responsabilità della Piaggio limitandosi a parlare di un nuovo compratore per la TMM dimentica la chiusura di altre fabbriche dell…

Enti di Ricerca e Università:quale politica sindacale?

SGB: per una politica sindacale di classe negli Enti di Ricerca e Università

Le strategie del Capitale su Ricerca e Università. Lo scenario attuale

La nuova fase di sviluppo del capitalismo con tutte le sue contraddizioni è caratterizzata, da quasi tre decenni, dalla crescente valorizzazione della conoscenza e della formazione. La fabbrica del sapere è diventata una delle principali forze produttive. Ciò presuppone una nuova forma di produzione sociale, nuovi cicli industriali ed una nuova dinamica economica, all’interno della quale lo sfruttamento del lavoro ha assunto nuovi profili che si affiancano a quelli preesistenti. Come ogni nuova rivoluzione industriale capitalista si modificano le forme di sfruttamento del lavoro, alterando le condizioni per la manifestazione del conflitto di classe. L’attuale fase di produzione capitalista vede nello sviluppo dell’informatica e delle comunicazioni lo strumento tecnologico su cui basare il nuovo modello di accumulazione basato principalme…

Welfare e produttività ....

Welfare e produttività sono i pilastri confindustriali sui quali si reggono i contratti

Da recenti censimenti (fonti Confindustriali) su 13mila accordi di secondo livello , quasi un terzo nasce dallo scambio tra aumenti contrattuali e cosiddetti benefit per i dipendenti.
Parliamo di plafond, pacchetti di servizi offerti dalle aziende che vanno dai bonus per la palestra a quelli per l'asilo nido privato fino alla polizza sanitaria , dalla previdenza integrativa all'abbonamento ai mezzi pubblici. Tutte misure che rappresentano un vantaggio per i padroni che, tra sgravi fiscali e favorevoli convenzioni, alla fine risparmiano gran parte della cifra destinata all'incremento salariale.

Queste dinamiche contrattuali si poggiano sulla detassazione dei premi di risultato che la Manovra 2016 ha consentito relativamente al salario di secondo livello, il cosiddetto premio aziendale per capirci fino ad oggi erogato in moneta e ben presto quasi solo attraverso i benefit previsti dal w…

Contratti pubblici: consulta la sfera di cristallo per saperne di più.

Le risorse per i rinnovi contrattuali non ci stanno ancora, due anni dopo la sentenza della Consulta, che obbligava il Governo a riaprire le trattative e sottoscrivere la nuova intesa, tutto è fermo in attesa della Legge di Bilancio. I responsabili di questa situazione ? Governo, Cgil, Cisl Uil , sindacati che hanno anteposto ai rinnovi i decreti Madia tacendo per altro sullo smantellamento della Forestale, delle Province.

Il nodo da sciogliere per il Governo è quello delle risorse visto l'impegno , per la fascia di reddito annuo tra i 23 e i 26mila euro, di conservare il bonus mensile di 80 euro.

Fatti due conti, il bonus dovrebbe andare a piu' di 363 mila dipendenti pubblici e servono, oneri previdenziali inclusi, 200 milioni di euro stando almeno all'Aran. E con 85 euro di aumento mensili, sarebbero in molti a superare il reddito che dà diritto al bonus di 80 euro.

I\le dipendenti della Pubblica amministrazione corrono quindi il rischio decurtazioni in busta paga?

Be…

Deliri securitari e Polizia Municipale

Stando alle ultime notizie, il vigile urbano ormai sembrerebbe la figura centrale della pubblica amministrazione.

A leggere che la polizia locale dovrà coprire sempre più anche le ore notturne, con polizia , Gdf e CC impiegati nel controllo dei migranti viene da pensare che da qui allo stato di polizia e alla soppressione delle libertà democratiche il passo sia alquanto breve.

Ma fermiamoci agli aspetti prettamente sindacali, senza mai perdere di vista il contesto generale senza comprendere il quale non si andrà lontani. Sfuggire alla spirale securitaria è indispendabile anche per il sindacato.

Gli organici della Pm negli enti locali rientrano nei tetti di spesa in materia di personale, se li impieghiamo nei turni notturni chi presterà servizio diurno?

L'ultima novità è prodotta dalla fervida immaginazione del ministro Marco Minniti, dentro una direttiva di metà agosto allegata a un decreto ministeriale (anche se non pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale). Quindi bisogna applicare…

Defiscalizzazioni e premi di produttività

Farà sicuramente discutere la sentenza della Corte Costituzione n.153/2017, che prevede il trattamento fiscale agevolato solo per i compensi erogati nel privato e non nella Pubblica amministrazione.
Farà discutere perchè quel modello contrattuale che disarticola il ccnl a favore del secondo livello ha bisogno di agevolazioni fiscali

Non entreremo nel merito delle disquisizioni costituzionali, anche perchè la materia è ostica per gli addetti ai lavori, immaginiamoci per i lavoratori.

Riflettiamo invece su alcuni aspetti strettamenti connessi, ossia che il trattamento economico agevolato sarebbe connesso «a incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione, efficienza organizzativa, collegate ai risultati riferiti all’andamento economico o agli utili della impresa o a ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitività aziendale».

Tale connessione se vale per il privato puo' essere utile anche per il pubblico?

Da anni il salario accessorio vien…

Capovolgere la narrazione padronale sulla crisi

Qualche giorno fa, sulle pagine de Il Sole 24 ore (era il 23 Agosto), abbiamo letto l' articolo di Marco Leonardi, consigliere economico della presidenza del Consiglio, secondo cui se si riducono i costi di licenziamento solo per i nuovi contratti (come ha fatto il Jobs Act) i lavoratori che non sono ancora occupati ma stanno cercando un'occupazione potranno concordare un salario più alto a fronte della riduzione della protezione contro il licenziamento”.

Libertà di licenziamento determinano crescite salariali? La storia degli ultimi decenni dice l'esatto contrario, i salari sono cresciuti (come il welfare) in presenza di interventi statali e di maggiori tutele.

La realtà è invece l'esatto contrario, il potere di acquisto dei salari è in continua diminuzione. Solo pochi mesi fa l'Osservatorio nazionale della Federconsumatori parlava di una stangata per ogni famiglia italiana con perdita di potere di acquisto superiore a 2330 euro annui

Ingiustificato e fin tropp…

NO AI LICENZIAMENTI PER I PROFITTI

Il Governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi, ai cancelli della Tmm, parlando con gli operai del Presidio ha parlato di un nuovo compratore per l'azienda (da trovare ovviamente ) e rilasciato dichiarazioni assai contraddittorie

Le citiamo testualmente ricordando a Rossi che una legge regionale contro le delocalizzazioni è ferma da mesi in Regione tanto avversata dalla maggioranza Pd e Art 1 quanto ignorata ormai anch da chi l'aveva proposta. L'arrivo di Industria 4.0 potrebbe sancire il rafforzamento delle delocalizzazioni e dei finanziamenti a fondo perduto a favore della Piaggio, il tutto con il beneplacito degli amministratori locali e regionali.

"Da un lato è indispensabile chiedere a Piaggio quale sia la sua politica industriale e di cosa ha bisogno per continuare a investire sul territorio. Dall'altro, serve un imprenditore locale non solo disposto a investire, ma anche in grado di offrire a Piaggio, e non solo a Piaggio, un prodotto valido, tecnol…

La sai l'ultima? Riducono la cassa integrazione

Prima o poi la disposizione prevista dal Dlgs 148/15 sarebbe entrata in vigore e sbagliava chi aveva pensato che la sospensiva di due anni nella applicazione significasse fermare il tutto.

Basta leggere la circolare del Lavoro 24 del 5 ottobre 2015 ove si decideva la riduzione della Cassa integrazione straordinaria (Cigs) soprattutto in presenza di crisi e riorganizzazioni aziendale, segno che i padroni e i loro Governi conoscono bene l'andamento dell'economia e sapevano da tempo che le richieste della Cigs sarebbero aumentate, da qui la necessità di limitarne il ricorso.


Nasceva da questi propositi la riforma degli ammortizzatori sociali e per la precisione si scriveva che in caso di riorganizzazione o crisi aziendale, erano " autorizzate sospensioni del lavoro soltanto nel limite dell’80% delle ore lavorabili nell’unità produttiva nell’arco di tempo di cui al programma autorizzato".

Per tenere buoni i sindacati il decreto aveva previsto la sospensione di due anni…

Solidarietà ai delegati dello Spallanzani

No alla repressione del diritto di parola! Noi stiamo con Alessia e Lorenzo



Vietato criticare l'azienda. E se lo fai? Sospensioni, licenziamenti e querele con richieste di risarcimento di migliaia di euro.

Codici etici, regolamenti disciplinari, obblighi di riservatezza, sono trappole infernali che mirano direttamente a tappare la bocca ai lavoratori e alle lavoratrici, a criminalizzare e a reprimere sul nascere ogni forma di critica, dissenso.

Anche semplici esternazioni su Facebook determinano licenziamenti per il venir meno dei principi di correttezza e buona fede.

Se poi la critica arriva da delegati sindacali, la risposta repressiva è assicurata.

Non si tratta solo della cancellazione del diritto di critica ma si determinano le nuove relazioni sindacali dettate dai rapporti di forza, da una legislazione in materia di lavoro che permette ormai il libero arbitrio.

Nei giorni scorsi è arrivato il provvedimento disciplinare per i due delegati Cobas dell’Irccs Spallanzani di Roma…

La guerra contro gli ultimi. Ma l'ultimo puoi essere anche tu

All'alba di giovedì mattina, si sono presentati reparti mobili in piazza Indipendenza a Roma e con idranti e manganelli hanno disperso i rifugiati eritrei che vi dormivano sulle aiuole da cinque giorni a seguito dello sgombero del palazzo vicino alla stazione Termini dove abitavano

Scene di ordinaria violenza e sopraffazione contro richiedenti asilo che dormivano lungo i marciapiedi e sulle aiuole, decine i fermati condotti in questura inclusi bambini\e in tenera età, fermati anche i migranti che rispondevano alle domande dei giornalisti radio e tv.

Molti dei richiedenti asilo non possono essere ospitati nelle strutture "di accoglienza" messe a disposizione nel frattempo dallo Sprar solo dopo l'intervento di associazioni, preti ai quali è stato per altro impedito l'accesso alla piazza. La ragione? Hanno ottenuto asilo da piu' di sei mesi ma in questo tempo non è stata prospettata per loro alcuna soluzione, anzi la protezione internazionale offerta non è …

Che ne sarà della biblioteca comunale?

al sindaco
all'assessore Ferrante
al dirigente e funzionario Po personale
alla Rsu e OOSs
pc Funzionaria Po Biblioteca


Alcuni anni fa venne inaugurata la nuova Biblioteca in Piazza San Michele
degli Scalzi, una inaugurazione fatta in fretta e furia quando i lavori non
avevano ancora completato la struttura rendendola funzionante

Per mesi si sono registrati problemi di varia natura (per esempio
l'impiantistica, il non funzionamento dell'ascensore), il progetto di rendere
autonoma la struttura istallandovi pannelli solari è caduto nel dimenticatoio
cosi' come l'utilizzo del parco limitrofo.

La Giunta si impegno' con un atto in cui individuava gli organici in 20 unità
con il plauso del sindacato che finalmente dopo anni vedeva concretizzato
l'impegno di rafforzare gli uffici e le attività culturali del Comune.

Ma questo organico non è mai stato rispettato e oggi siamo a 17 unità, 3 delle
quali prossime alla pensione, gli interventi che facevano sperare in un
p…

La CIA e la controrivoluzione in Venezuela

di Atilio A. Borón*

chavez 755x515La società capitalista ha come uno dei suoi tratti principali l’opacità. Se nei vecchi modi di produzione precapitalistici l’oppressione e lo sfruttamento dei popoli saltava all’occhio e persino acquisiva un’espressione formale e istituzionale in gerarchie e poteri, nel capitalismo prevale l’oscurità e, con quella, lo sconcerto e la confusione. Fu Marx che con la scoperta del plusvalore ha stracciato il velo che nascondeva lo sfruttamento a cui erano sottoposti i lavoratori “liberi”, emancipati dal giogo medioevale. Ed è stato sempre lui a denunciare il feticismo delle merci in una società dove tutto diventa merce e quindi tutto si presenta fantasmagoricamente davanti agli occhi della popolazione.

Quanto detto sopra rientra nella negazione del ruolo della CIA nella vita politica dei paesi latinoamericani, ma non solo di quelli. Il suo permanente attivismo è inevitabile e non può passare inosservato ad un occhio minimamente attento. Parlando della cri…

People mover: i costi aumentano. L'amministrazione comunale ne risponda ai cittadini

Un tremendo quesito anima le afose giornate estive, Che cosa intende l'amministrazione comunal quando dice che il People non costerà nulla alla Cittadinanza?

La delibera del 2015 che modificò il piano finanziario ha innalzato il contributo annuale in conto esercizio da 578.512 € esclusa iva a 819. 672 esclusa Iva.

La deliberà, che si trova sull'albo pretorio, è la numero 1 del 15/01/2015. I contributi in conto esercizio sono soldi erogati da enti locali per aiutare le imprese private. Nulla di strano se non fosse che questi aiuti pubblici non vengono mai vincolati al divieto di delocalizzazione e all'impegno di creare nuova occupazione. Questi soldi aggiuntivi sono parte del contributo statale regionale comunitario più volte indicato con il quale si finanzia la costruzione del people Moover o invece si tratta di fondi aggiuntivi dovuti perché gli incassi del trenino sono irrisori e assai piu' bassi di quelli preventivati?

Altra domanda: perché nel provvedimento DD-10…

Grandi manovre attorno al Venezuela

L’arte della guerra

Grandi manovre attorno al Venezuela
Manlio Dinucci


I riflettori politico-mediatici, focalizzati su ciò che accade all’interno del Venezuela, lasciano in ombra ciò che accade attorno al Venezuela. Nella geografia del Pentagono, esso rientra nell’area dello U.S. Southern Command (Southcom), uno dei sei «comandi combattenti unificati» in cui gli Usa dividono il mondo.

Il Southcom, che copre 31 paesi e 16 territori dell’America latina e Caraibi, dispone di forze terrestri, navali, aeree e del corpo dei marines, cui si aggiungono forze speciali e tre specifiche task force: la Joint Task Force Bravo, dislocata nella base aerea di Soto Cano in Honduras, che organizza esercitazioni multilaterali ed altre operazioni; la Joint Task Force Guantanamo, dislocata nell’omonima base navale a Cuba, che effettua «operazioni di detenzione e interrogatorio nel quadro della guerra al terrorismo»; la Joint Interagency Task Force South, dislocata a Key West in Florida, con il compito u…

La piccola e media impresa attua il premio personalizzato....

In Veneto nelle aziende private si fa strada la performance del pubblico impiego. Ma c’è ben altro dietro al premio personalizzato



Il bonus viene corrisposto l’anno successivo, a risultato acquisito

( da Il sole 24 ore del 22 agosto 2017)



Il sistema vigente nel pubblico impiego si fa strada anche nel privato ma c’è decisamente di piu’: oltre alla performance che destinerà il salario accessorio in termini diseguali e con criteri ben poco oggettivi si va verso l’applicazione di uno dei dettami capitalistici, quello che lega gli incrementi (e non solo) stipendiali ai ricavi aziendali.



Importante sarà lavorare di più, disponibili a effettuare ore straordinarie, ad accettare mansioni e orari flessibili dimenticando di rivendicare diritti, quei pochi almeno ancora esigibili dal contratto nazionale



Sarà dirimente assecondare i clienti, evadere ordini in tempo record, disporre organizzazioni del lavoro in modo da evitare tempi morti e ridurre al minimo gli infortuni che rappresentano un cos…

Sciacalli e affari attorno al terremoto di Ischia

Le colpe dei terremoti e delle devastazioni

Il nostro primo pensiero va alle famiglie che in queste ore hanno perso casa e per migliaia di persone si prospettano mesi, anni, di esistenza precaria in alloggi di fortuna.

“Siamo su un tappo magmatico e costruiscono case di cartapesca”, lo scrivono i geologi a poche ore dal terremoto che ha distrutto parte dell’isola di Ischia.

Un’area geologica nota da anni, ma un terremoto di magnitudo inferiore a livello 4 puo’ creare queste distruzioni e soprattutto il sisma di un anno fa nell’Italia centrale non è stato fonte di insegnamento?

Parrebbe proprio di no perché da decenni i terremoti creano in Italia danni incalcolabili e un elevato numero di vittime, è di questi giorni la notizia che solo il 15% delle macerie , provocate dal terremoto di12 mesi fa, è stato rimosso, la ricostruzione è in alto mare, interi villaggi sono ancora distrutti e l’economia paralizzata.

La ricostruzione avrebbe dovuto essere una priorità per il Governo che in qu…

Blocchi ai cancelli della Piaggio:dalla parte degli operai

Finalmente gli operai/e Tmm chiamano Piaggio ad assumersi le proprie responsabilità, non poteva essere altrimenti visto che dalla stessa arrivano il 95% delle commesse e Colaninno fa il bello e il cattivo tempo in tutto l'indotto.

Alcuni invocano a ragione la convocazione di una assemblea di tutte le rsu, della Piaggio e dell'indotto, davanti ai cancelli della TMM per costruire una vertenza unica sul territorio. Dalla Ristori alla Tmm e prossimamente nell'indotto senza dimenticare le centinaia di posti perduti in Piaggio, le politiche di Colaninno sono a tutte note ma da ben pochi avversate (almeno fino ad oggi)

Come Sindacato generale di base siamo ancora convinti che la vertenza avrebbe dato maggiore forza agli operai se avessimo occupato la TMM.

La politica della delocalizzazione non conosce limiti, amministrazioni locali e regionali non hanno mai posto fine a queste scelte che impoveriscono la nostra provincia mentre i profitti della Piaggio aumentano, come ci dico…

SUSSIDI E NON LAVORO : allo studio del governo l'assegno di ricollocazione

Le chiamano impropriamente politiche attive ma di attivo c'è ben poco, solo la politica della sussidiarietà, una miseria sulla quale i padroni potranno lucrare.

Lavoro e dignità era la parola d'ordine delle lavoratrici che difendevano il loro posto negli appalti dell'ospedale di Pisa, una parola d'ordine semplice che ricorda come la dignità derivi dal lavoro, da un impiego stabile dal quale dipende reddito, reddito con cui assicurarsi condizioni di vita apprezzabili o almeno sostenibili

Il governo ammette che la ripresa dell'economia non c'è, l'aumento del Pil occulta la mancata ripresa dell'occupazione eccezion fatta, forse, per quella precaria.

IL Governo Gentiloni sta preparando, nella manovra autunnale, l’assegno di ricollocazione, l'ennesimo “voucher”, con importo da 250 a 5mila euro, variabile in base alla difficoltà nel reinserimento occupazionale.

Stanno pensando al voucher per una platea ristretta, circa 400 mila disoccupati che percepisc…

PRANZO per gli operai Tmm domenica 20 agosto

Immagine

Cosa accade al comune di Pisa? Violati i diritti sindacali con il silenzio assenso dei sindacati provinciali?

Vwnerdi 18 agosto, conferenza stampa per denunciare una situazione di autentico degrado non solo delle relazioni sindacali ma delle politiche inerenti personale e servizi. Non ci interessano relazioni normali ma vogliamo entrare nel merito del piano occupazionale, di come gestire uffici e servizi, di come utilizzare la Polizia Municipale


Amministrazione Filippeschi: violati i diritti sindacali?

Le roboanti dichiarazioni del Sindaco sui migranti sono in linea con scelte operate nel disprezzo dei diritti sindacali, primo tra tutti quello della informazione alla rsu, in linea con l'assoluta incapacità di confrontarsi con chi la pensa diversamente da lui nel Comune e in città. In contemporanea alla conferenza stampa di venerdi' 18 sono usciti alcuni atti per altro di 3 settimane fa e mai pubblicati e inviati alla parte sindacale

La situazione ormai dura da mesi, l'amministrazione comunale è incapace di fornire risposte scritte ed orali, si limita all'ordinaria amministrazi…
TMM Pontedera, ovvero della lotta di classe dall’alto

In un caldo pomeriggio di agosto a Pontedera, un presidio di lavoratori anima con tende e bandiere la zona industriale di Gello, spopolata per le vacanze estive e già duramente colpita da un decennio di crisi economica, di tagli agli organici e di delocalizzazioni. Si tratta dei lavoratori della TMM, azienda dell’indotto Piaggio che produce marmitte in mono-committenza per la casa madre (Piaggio) dalla quale dipende più del 90% delle commesse.
Pochi giorni prima della programmata chiusura per le vacanze estive l’amministratore delegato ha comunicato ai lavoratori la decisione della CSL, azienda di Torino che controlla la TMM, di non riaprire i cancelli dopo le ferie.
Eppure gli ultimi mesi prima della chiusura estiva avevano segnato un picco produttivo, dopo anni di riduzione degli orari di lavoro e di ricorso agli ammortizzatori sociali. Purtroppo, come alcuni operai avevano intuito, l’intensificazione dei ritmi produttivi era d…