lunedì 11 giugno 2018

Referendum farsa alla Ctt: noi votiamo NO e rilanciamo....

BOCCIAMO IL REFERENDUM FARSA
I LAVORATORI IMPUGNINO QUESTO ACCORDO ILLEGITTIMO.

C'è una sentenza della Corte di Cassazione per la quale  le OO.SS. possono siglare o meno l’accordo ma non possono impugnarlo come sigla sindacale, questo compito spetta invece al singolo lavoratore non aderente  alle sigle sindacali firmatarie .
Sgb e Cub non concordano sulla astensione per il fatto che a prescindere dalla effettiva partecipazione l'esito referendario dovrebbe tramutarsi in una sfiducia di massa verso i firmatari di un accordo che penalizza i lavoratori piu' giovani e continuerà a danneggiarli in futuro. 
Gli accordi vanno contestati per i loro contenuti a prescindere  da chi li firma, ci sono sindacati favorevoli alla astensione che per anni hanno favorito la riduzione degli spazi di democrazia nei luoghi di lavoro limitando , oltre ogni limite, il diritto di sciopero.
Sgb e Cub chiedono ai dipendenti CTT di partecipare al referendum per bocciare l'accordo, siamo convinti di partecipare ad una farsa, la democrazia reale è ben altra. All'indomani del Referendum ogni lavoratore dovrà impugnare l'accordo perché
  •  crea disparità di trattamento a seconda della data di assunzione. I diritti sono inalienabili e non possono variare in base alla anzianità di servizio 
  •  se vai in 104 o ti ammali perdi soldi dallo stipendio.
  • Il buono pasto ci spetta indipendentemente dal turno e deve avereun importo maggiore di quello attuale con cui non si mangia.
  • Il pagamento del lavoro straordinario è stabilito per legge, puoi scegliere se fartelo pagare o a recupero.
  • Sempre per legge è stabilito il patrocinio legale a carico dell'azienda .
QUESTO NON E' UN ACCORDO E UNA FARsA CHE NASCONDE la COMPLICITA' AZIENDA E SIGLE FIRMATARIE AI DANNI DEI LAVORATORI DEL SERVIZIO E DEI CITTADINI. Partiamo con i ricorsi!
CUB TRASPORTI
SGB TRASPORTI

Nessun commento:

Posta un commento