Turni di notte alla Pm.... Facciamo chiarezza sotto la Torre Pendente

Polizia Municipale cosa succede? I vigili sono già presenti di notte in servizio attivo sulle strade del territorio comunale

Tutti i giorni dell'anno, il turno serale, normalmente  svolto con orario 19-01 ma passibile di adattamenti secondo le previsioni del progetto incentivante (18-24, 20-02 e altri orari), è effettuato con impiego di almeno 2-3 pattuglie (4-6 agenti) ed un ispettore che svolge servizio presso il Comando per ricevere l'utenza, comunicazioni radio/telefoniche e accertamenti richiesti dal personale in servizio esterno.
In caso di necessità, per eventi straordinari e/o manifestazioni (es. stadio, ...) il numero delle pattuglie impiegate viene incrementato adeguatamente. Nel periodo estivo, occorre considerare che tutte le sere il servizio è rafforzato dall'impiego di almeno n. 2 pattuglie (una per Z.T.L. e una per litorale).
Il servizio serale così com'è strutturato oggi è attivo dal 2001 e non ha mai subito interruzioni di alcun tipo. Il servizio serale era comunque attivo già prima del 2001, pur con altre modalità di svolgimento.
Il servizio notturno è anch'esso già attivo: primo perché il notturno da contratto inizia dalle ore 22, tutti i giorni dell'anno dalle 22 fino almeno alle 01 la PM svolge servizio in strada; in secondo luogo, dal 25 aprile 2015 è attivo tutti i giovedì, venerdì e sabato notte il servizio svolto con orario 01-07.

Questo turno viene effettuato anche ogni qualvolta ci siano esigenze particolari, di protezione civile o altro.

2) forze di polizia giusto per parlare di numeri,è importante sapere con quale organico PS-CC effettuano i turni di notte; non abbiamo dati certi ma vorremmo capire quanti equipaggi vengono messi in strada alla notte sia di Ps che dei CC  per quantificare lo sforzo richiesto alla PM.

3) organico: il limite grosso all'incremento del personale di notte è dato dalla dotazione organica attuale: quando la coperta è corta...... Più vigili di notte = Meno vigili di giorno, a meno che non vi sia un reale e consistente incremento della dotazione organica. Fino ad oggi, la soluzione di compromesso adottata è stata quella del progetto, con il quale si sono potuti evitare i turni c.d. "in quinta" e si è potuto così non ridurre drasticamente il numero dei vigili presenti di giorno.
Inoltre, il turno in quinta non è così flessibile come il progetto: se una sera servono 5 pattuglie di più, possiamo solo ricorrere allo straordinario. Resta il fatto che il progetto città sicura è stato utilizzato con funzioni assai variegate a fronte di mansioni crescenti richieste alla Pm (vedi  logiche securitarie), restano organici assolutamente inadeguati per svolgere tutte le mansioni richieste.

4) mansioni: in ultima istanza, ma non meno importante, occorre considerare quali sono le attività che si richiedono di notte alla P.M., che è solo forza "ausiliaria" di pubblica sicurezza.

Non dimentichiamocelo, prima di parlare di turni di notte

Sindacato generale di base Comune di Pisa

Commenti

  1. Giustissimo, il sindaco deve rendersi conto che le nozze con i fichi secchi non si possono fare, quindi se vuole maggiore sicureza prima deve rendersi cinto di quale realmente sia la forza a disposizione, poco personale, molte donne e tanti agenti ultracinquantenni, poi mettersi al tavolo e fare un piano scritto di come effettuare un controllo coordinato e condiviso fra tutti secondo le caratteristiche. Poi un piano di rafforzamento importante con dotazioni di sicurezza per gli agenti ecc.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gli utili di autostrade per l'Italia e una politica industriale costruita per accrescere i ricavi degli azionisti

La distruzione della geografia nella scuola italiana

viadotto Morandi imperizia o fatalità?