Post

CON DI MAIO E’ NATO UN MINI COSSIGA

CON DI MAIO E’ NATO UN MINI COSSIGA La scissione dai 5Stelle non è solo trasformismo. È una condizione per cui l’Alleanza possa continuare a vigilare sull’Italia senza ostacoli. Il precedente dell’Udeur nel 1998 per la guerra in Kosovo. di Domenico Gallo da Il Fatto Quotidiano del 29 GIUGNO 2022 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2022/06/29/con-di-maio-e-natoun-mini-cossiga/6643340/ La scissione del Movimento 5 Stelle annunciata dal ministro degli Esteri Di Maio nella notte del 21 giugno è stata accolta calorosamente dai principali media, come una manna caduta dal cielo sulla testa del governo Draghi. […] Cossiga, che fino all’inizio del 1998 aveva svolto un ruolo di tutore del centrodestra, improvvisamente cambiò strada e intraprese una operazione politica in virtù della quale riuscì a staccare una frazione di deputati e senatori dal centrodestra, fondando l’Udeur, con il dichiarato scopo di far nascere una nuova maggioranza politica che sostituisse quella basata sul

La nostalgia per l'Ulivo e il nuovo centrismo moderato di quella che fu la Sinistra italiana

 Per chi lo avesse dimenticato nel 2023 si vota per il rinnovo del Parlamento, elezioni politiche lungamente attese che potrebbero finire in sostanziale parità proseguendo sulla strada dei governi tecnici e bipartisan. Sulla stampa nazionale leggiamo interpretazioni bizzarre sulla crisi del sistema politico italiano, sulla deflagrazione del Mov 5 Stelle e sulle divisioni interne ai vari schieramenti. Il vero problema è sempre lo stesso, insoluto,  vecchio  e ripetitivo ossia l'assenza di idee e di prospettive radicali. La guerra in corso alimenta la subalternità italiana ai dettami Usa e Nato e la sua debolezza anche all'interno della Ue. Il Governo Draghi, imposto dagli Usa e dai centri di potere economico e finanziario, si barcamena tra il consueto e solido atlantismo e la ricerca di qualche soluzione che restituisca forza ai consumi senza smarcarsi dalle politiche di contenimento del debito e dai dettami anti inflazionistici dettati da Maastricht. Non sono aumentate le aliqu

La presenza Usa e Nato in Europa dopo il summit di Madrid

In Italia, gli Stati Uniti invieranno una batteria di difesa aerea a corto raggio, per un totale di circa 65 persone. Secondo alcune fonti questa batteria è un’unità subordinata del battaglione di difesa aerea a corto raggio basata in Germania e potrebbe venire posta a protezione della base aerea di Aviano. E' quanto riporta il Portale Analisi Difesa , una fonte accreditata in materia di strategie militari. Nei giorni successivi al summit di Madrid si è già spento l'eco del baratto con la Turchia (ritiro del veto all'ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia in cambio del sostanziale via libera per gestire le controversie interne con i Kurdi incluse politiche di non accoglienza degli esuli politici nei paesi europei) a conferma di una morale sonnacchiosa sorretta da pallidi intenti umanitari e democratici. Gli Usa portano a casa alcuni risultati importanti per le loro strategie imperialiste, ad esempio: recuperano la Turchia tra le forze vitali per politiche economico milit

PROTOCOLLO TRA GOVERNO E PARTI SOCIALI DEL 30/06/22 SU MISURE COVID-19 NEI LUOGHI DI LAVORO

Riceviamo e Pubblichiamo Nella tarda serata di Giovedì 30/06/22 è stato approvato il nuovo Protocollo tra Governo e Parti Sociali sugli aggiornamenti delle misure da adottare nei luoghi di lavoro per contenere il Contagio da Sars-Cov-2 (in allegato) A seguire riassumo quali sono le novità, rimandando a ulteriori chiarimenti ufficiali, assolutamente necessari, viste i molti dubbi che contiene il Protocollo. Marco  Spezia   Il nuovo Protocollo contiene alcune importanti modifiche rispetto al precedente del 21/04/06. Di conseguenza ogni Datore di Lavoro, sentiti anche il RSPP, il Medico Competente e gli RLS, dovrà modificare la propria specifica procedura.   In particolare, il Protocollo stabilisce in premessa che: “I datori di lavoro aggiornano il Protocollo condiviso di regolamentazione all’interno dei propri luoghi di lavoro, applicando le misure di precauzione di seguito elencate –  da integrare con altre eventuali equivalenti o più incisive  secondo le peculiarità della propria organ

Spogliatoio Pm e lavoratori Fragili: la nota del Rls Cub

  In una recentissima nota del Dipartimento della Funzione Pubblica troviamo scritto che i datori di lavoro sono tenuti a garantire lo smart working ai  lavoratori fragili ricorrendo, se necessario, anche ad alcune deroghe , ad esempio  derogando al principio della prevalenza della prestazione da svolgere in presenza Con il 30 giungo sono venute meno  le particolari tutele  che hanno accompagnato la forza lavoro nei due anni e mezzo di pandemia, ironia della sorte vengono meno nel momento di maggiori contagi. La nota in questione demanda le decisioni a ciascuna amministrazione ossia  al dirigente responsabile a cui spetta il compito di individuare le misure organizzative  necessarie, Si chiede quindi notizie su quanto accade nel nostro Ente sollecitando risposte alle note sullo spogliatoio della Pm                                                                          RLS COMUNE DI PISA

Aumento dei prezzi al consumo: si ritorna al 1986?

Fine  Giugno 2022: escono le pubblicazioni Istat sull'indice dei prezzi al consumo e i dati sono impietosi per il nostro paese con un aumento pari all' 8 per cento rispetto ad un anno prima, una crescita che ci riporta agli anni della inflazione galoppante, più o meno il 1986. Questi dati non riguardano solo l'Italia, investono direttamente i paesi dell'Eurozona. Ma da dove nasce questo aumento dei prezzi al consumo? Una sola risposta: dalla guerra, dalle sanzioni alla Russia, dai processi speculativi provocati a catena dalla guerra, aumentano infatti i prodotti che risentono maggiormente delle oscillazioni internazionali come i beni alimentari  (+9,1 per cento),  i prodotti energetici (+28 per cento) e i trasporti (+12,8 per cento). Chiunque venga a raccontare la lieta novella dell'Ue solidale con le vittime della aggressione (gli Ucraini) e uniti nelle sanzioni ai danni dell'aggressore (Russia) dovrebbe non solo ripassarsi un bel libro di storia (anzi studiarl

Ma chi si azzarda oggi a decantare le lodi della cura Draghi?

 Inflazione in rapida ascesa, un più 8% che viene affrontato con manovre di contenimento dei generi energetici solo per la stagione estiva appena iniziata. I dati relativi alla occupazione mostrano ancora un altissimo numero di contratti precari,  aumentano di 14 mila unità i contratti a tempo determinato e calano invece di 100 mila i contratti indeterminati. E tra i contratti a termine aumentano quelli con durata pari o inferiore a un mese, il tasso occupazionale decresce soprattutto nella fascia tra 25 e 34 anni e più in generale cala la percentuale della forza lavoro attiva, i dati incoraggianti di fine inverno\inizio primavera sono oggi invece smentiti dai rilevamenti Istat pubblicato il 1 Luglio. Questi sono i dati statistici di ultima pubblicazione, a conferma la crisi economica acuita dalle sanzioni alla Russia e il conseguente rincaro dei prezzi energetici e di prima necessità. Chi dice che la guerra non abbia ripercussioni sull'economia sbaglia come quanti negano che ormai

L’OCCIDENTE SERRA I RANGHI PER LA BATTAGLIA

 G RANDANGOLO  BYOBLU  canale nazionale TV 262  canale 462 Tivùsat,  canale 816 Sky   STASERA ALLE 20:30   Grandangolo è visibile anche in diretta TV su cellulare o computer nel sito  https://www.byoblu.com/diretta-tv/   Dopo la prima trasmissione la puntata di Grandangolo è visibile, insieme alle precedenti, sul sito  https://www.byoblu.com/category/grandangolo-pangea/     L’OCCIDENTE SERRA I RANGHI PER LA BATTAGLIA   Due vertici l’uno di seguito all’altro, quelli del G7 e della NATO, dimostrano che  l’Occidente sta mettendo in campo tutte le sue armi - militari, politiche, economiche – per mantenere il predominio che sta perdendo in un mondo che diviene sempre più multipolare , come dimostra il crescente sviluppo dei BRICS: l’organizzazione economica che riunisce Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica, cui vogliono aderire Iran, Argentina e altri paesi.    In Ucraina, mentre il G7 fornisce a Kiev 30 miliardi di dollari, la NATO gli fornisce crescenti quantità di armi contro la Russi

Italia, Israele e l'industria di armi

  Leonardo DRS e l’azienda israeliana RADA Electronic Industries Ltd.  (leader nella fornitura di radar tattici militari e software avanzati) hanno firmato un accordo vincolante di fusione. Nello specifico Leonardo DRS acquisirà il 100% del capitale sociale di RADA in cambio dell’assegnazione del 19,5% delle proprie azioni agli attuali azionisti della società israeliana INDUSTRIE MILITARI. L'italiana Leonardo si fonde con l'israeliana RADA - Pagine Esteri L'articolo di Antonio Mazzeo, sopra menzionato, non ha bisogno di ulteriori commenti , tuttavia proviamo a dire qualcosa in più le operazioni militari nella striscia di Gaza, i bombardamenti in Siria ad opera dell'esercito israeliano sono anche il modo migliore per verificare i progressi tecnologici in campo militare, se vuoi fare affari in campo militare non potrai che partecipare a guerre di varia intensità, quindi se lo Stato di Israele è perennemente in guerra qualche motivo dovrà pur esserci a meno di non cadere n

La falsa narrazione dell'aumento del costo dei combustibili

  La falsa narrazione dell'aumento del costo dei combustibili Negli ultimi giorni i gruppi capitalistici dominanti e il governo Draghi  stanno diffondendo una narrazione totalmente falsa dell’aumento del prezzo del gas e dei combustibili fossili in generale . Si vuole accreditare la leggenda metropolitana che è tutto causato dalla presunta preparazione pluriennale dei Russi alla guerra in Ucraina. Anche una persona preparata e normalmente corretta come Franco Bernabe’, ha dichiarato, qualche giorno fa, nel corso di una trasmissione televisiva, che i Russi, in una lunghissima prospettiva bellica, avrebbero abbandonato il mercato spot del gas presso la borsa di Amsterdam per farne aumentare i prezzi. Quest’affermazione è spudoratamente falsa e smentisce quanto detto e scritto fino a pochi giorni fa dallo stesso Bernabe’. I Russi sono sempre stati contrari ad affidare movimento giornaliero della finanza, ai movimenti su larga scala  dei pescecani europei del gas (Vitol, Shell, Eni ed