Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2016
appello al sindacato di base e alle realtà conflittuali
Se non ora quando dovremo muoverci?
Da quanto accadrà, o non accadrà, nel prossimo autunno dipenderanno le sorti  non solo del sindacalismo di base ma dello stesso conflitto sindacale e sociale. Per questa ragione pensiamo che ancora una volta il sindacalismo di base rischi di non essere all'altezza dei suoi compiti, tra chi convoca scioperi in solitaria e quanti sono ripiegati sulle vertenze locali, per non parlare poi delle realtà che non discutono neppure di sciopero, di come contrastare la controriforma del lavoro e della rappresentanza sindacale. Non si tratta solo della difesa del potere di acquisto e di contrattazione ormai ridotti ai minimi termini, è in gioco l'agibilità democratica nei luoghi di lavoro e l'affermazione di istanze conflittuali piu' generali negate dalle leggi di stabilità, dal jobs act, dai decreti attuativi della Legge madia, dalla negazione dei diritti alla istruzione , alla sanità e al…
Qualche riflessione sul voto inglese.....

Confessiamo di avere letto poco dei commenti post voto perché la tendenza dei pensatori e intellettuali nostrani è quella di piegare il voto inglese a giustificare letture parziali della realtà. Da destra e da sinistra tutti a esultare la vittoria del Brexit, o  a strapparsi le vesti per il fallimento dell'Europa dei popoli

Intanto bisognerebbe vedere la composizione del voto per leggerne i significati sociali, dai primi dati si evince che nelle metropoli è prevalsa una posizione filo europea al contrario delle periferie e dei quartieri popolari e soprattutto della campagna inglese, in Scozia la maggioranza era  per restare in Europa. Di sicuro tanto a destra quanto a sinistra si è votato contro l'Europa a trazione tedesca, o sognando i fasti dell'Impero che fu dentro una logica nazionalista e non immune da razzismo e xenofobia o rifiutando un'Europa dominata dalle banche, dagli interessi speculativi e finanziari che taglia sala…
Si puo' assumere negli enti locali...lo dicono le nuove normative


Come abbiamo letto sui giornali economici Italia oggi e Sole 24 ore negli ultimi giorni, sono in arrivo nuove normative.
Gli enti virtuosi non hanno piu' scuse con l'arrivo del nuovo decreto sugli enti locali. Viene abrogata la norma ristrettiva della Corte dei Cont e quindi salta l'obbligo di ridurre la spesa di personale in rapporto alla spesa corrente. Farà da riferimento la spesa di personale nel triennio 2011\13, quindi dentro questo parametro si potrà assumere appena arriverà a compimento lo sblocco che viene dato per luglio.
Ci sono numerosi nodi ancora da sciogliere, per esempio la ricollocazione dei provinciali .
Di certo il dup, che ogni ente locale dovrà redigere entro luglio, potrà inserire il fabbisogno di personale nella documentazione e per gli enti la cui spesa per il personale resta inferiore al 25% potranno assumere ben oltre il limite del 25% rispetto ai cessati.
Ora si tratta di capir…
NIDO CEP: RIPRISTINIAMO LA VERITA'
Da qualche anno i\le dipendenti pubblici sono considerati la causa di ogni male, mai che si chiami in causa la gestione degli enti locali e della sanità frutto di politiche errate e distruttive, tanto dispendiose quanto irrispettose dei lavoratori. Mai che si raccontasse in positivo il nostro lavoro, solo episodi di cronaca legati alla ignobile furbizia del cartellino che getta discredito su noi tutti\e
Per questa ragione pensiamo necessario ricostruire i fatti accaduti in data 9 giugno 2016, presso l'asilo nido CEP, fornendo informazioni diverse da quelle fino ad oggi lette sulla stampa e prese per buone anche da qualche amministratore. Capiamo che ciascuno genitore voglia\debba sentirsi al sicuro in una struttura che ospita i propri figli ma possiamo assicurare che non ci sono errori dettati da incuria, mancato controllo, disattenzione o sottovalutazione del ruolo spettante a chiunque lavori a stretto contatto con l'infanzia Non voglia…
Cosa è successo a Cascina? Analisi del voto
Lettera aperta ai comunali di Pisa
Caro\a collega, mercoledì' si terrà l'assemblea sul contratto decentrato, prima non è stato possibile farla tra ponti e impegni lavorativi e sindacali. Da settimane le trattative sono in una situazione di stallo, per questo ci siamo impegnati nelle trattative di settore visto che alle nostre osservazioni (come Rsu inviate alla parte pubblica e al personale) non è seguita risposta alcuna La situazione è ancora più caotica di qualche settimana fa perché sono apparse notizie sconcertanti sul rinnovo del contratto di cui abbiamo parlato nel giornalino consultabile\scaricabile da internet, dal nuovo blog che nasce dopo l'uscita dai cobas
Pensiamo sia importante la partecipazione di tutte\i per pochi motivi - quando sono in ballo i nostri soldi la decisione deve coinvolgerci direttamente per stabilire i criteri con i quali ripartire il fondo della produttività - a fronte dell'aumento delle posizioni organizzative e degli incarichi di respo…
Delibera Servizi Educativi

(la crisi dei servizi educativi ve la raccontiamo noi) Link
...anche a Pisa a sostegno dei lavoratori francesi martedì 14 ore 17.30 davanti al Comune.



Censis. 11 milioni di italiani hanno rinunciato alle cure per difficoltà economiche. Aumenta la spesa privata: liste d’attesa troppo lunghe e l’intramoenia è sempre più una scorciatoia
........http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=40455

CONOSCI I TUOI DIRITTI... newsletter salute e sicurezza sul lavoro

SICUREZZA SUL LAVORO: KNOW YOUR RIGHTS! – NEWSLETTER N.257 DEL 09/06/16
In allegato e a seguire la Newsletter n.257 del 09/06/16 di “Sicurezza sul lavoro: Know Your Rights!”.
IN QUESTO NUMERO: -Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS): domande e risposte -Amianto: domande e risposte -L’obbligo di vigilanza del datore di lavoro sull’operato dei lavoratori -I rischi per la salute nel settore tessile -I DPI da utilizzare in pozzi, fosse e canalizzazioni -Imparare dagli errori: quando non si mette il carico in sicurezza
Invito ancora tutti i compagni della mia mailing list che riceveranno queste notizie a diffonderle in tutti i modi. La diffusione è gradita e necessaria. L’obiettivo è quello di diffondere il più possibile la cultura della salute e della sicurezza e la consapevolezza dei diritti dei lavoratori a tale proposito. L’unica preghiera, per gli articoli firmati da me, è quella di citare la fonte.
Marco Spezia ingegnere e tecnico della salute e della sicurez…