Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Pensioni ... a caro prezzo e non per tutti. Gli esodati

La Riforma Fornero ha prodotto innumerevoli danni e gli esodati sono solo la punta di iceberg dei problemi derivanti dall'innalzamento dell'età pensionabile Nel frattempo sono stati necessari ben 7 interventi di salvaguardia per gli esodati, chi era troppo vecchio per lavorare ma troppo giovane per andare in pensione e quindi restava senza reddito, senza un lavoro e senza un assegno previdenziale Ora Renzi para di una ottava salvaguardia per gli “esodati”. Fatti due conti mancano ancora migliaia di lavoratori da conteggiare ai quali applicare le regole pensionistiche anti Fornero, il Governo dice di avere stanziato soldi per piu' di 172 mila lavoratori, nel frattempo sono andati in pensione 106 mile esodati e almeno altri 22 mila sono in procinto di farlo Ma salvaguardia o no, chi sa l'esatto numero degli esodati e soprattutto quale danno economico, e non solo, è stato recato a questi lavoratori? Siamo certi che questa ultima salvaguardia non lasci fuori qualcuno, …

Scioperi alla Sda: sosteniamoli

I cambi di appalto sono solo al ribasso. Organizziamoci per non subirne le conseguenze In molte città italiane i magazzini Sda da giorni sono  bloccati da scioperi La questione non riguarda solo Sda ma l'intera logistica, gli appalti nei magazzini sono un intrico perverso tra consorzi , appalti e subappalti , con cooperative nate sovente solo per abbassare il costo del lavoro. Il sistema è funzionale a due obiettivi: abbattere le tutele collettive e individuali, ridurre salari  già bassi e negare ogni diritto ai lavoratori Nei magazzini del trasporto assistiamo a continui cambi appalto con un obiettivo ben definito: applicare contratti sfavorevoli , cancellare gli scatti salariali. Nei cambi di appalto i lavoratori perdono diritti e spesso anche il trattamento di fine rapporto e numerose altre spettanze, il ricatto occupazionale serve ad indebolire i lavoratori riducendoli all'impotenza. Pochi sanno che nel contratto nazionale firmato da cgil cisl uil non ci sono tutel…

Autisti:lavoratori usurati

Lo chiameremo Antonio, giusto per non incorrere in rappresaglie o provvedimenti disciplinari, del resto i codici di comportamento rendono sempre meno possibile la denuncia pubblica dei disservizi, delle carenze di organico e perfino dello spreco di denaro pubblico. Siamo in un comune di 100 mila abitanti, davanti a noi un autista di 62 anni con 36 di servizio , 31 dei quali (gli ultimi) sugli scuolabus Per quanto sia stato uno sportivo e con uno stile di vita controllato, Antonio è il classico lavoratore usurato costretto a chiedere una visita straordinaria al medico competente del suo ente per smettere di guidare. Incompatibilità dello stato di salute con la mansione da svolgere, è scritto a chiare lettere sul suo certificato Antonio ci racconta del lavoro svolto nel corso della sua lunga attività lavorativa, lo fa con il disincanto di chi oggi senza la Fornero sarebbe vicinissimo alla pensione mentre con le regole attuali ha ancora 4 anni prima della pensione …
Resoconto della riunione del 22/09 LINK

Chi controlla le partecipate del Comune? Basta interinali in Sepi: assunzione diretta

Quando nacque, Sepi assorbi' i precari , anche quelli che il comune di Pisa non aveva fatto a tempo a stabilizzare. Il sindacato fece delle assunzioni un punto dirimente della sua azione rivendicativa e anche negli appalti ai cimiteri furono assunti i precari del comune. Ma negli anni successivi le cose sono andate diversamente e non solo nel comune (ci sono settori che da anni vanno avanti solo con assunzioni di personale a tempo determinato, come gli scuolabus,  senza avere mai nel frattempo bandito un concorso a tempo indeterminato) La situazione nelle partecipate è all'insegna degli appalti, accade in Pisamo e non solo, le partecipate non sempre vigilano sulle condizioni di lavoro e contrattuali negli appalti, ci si limita a vigilare sul contratto di servizio.  Sepi è società di proprietà del comune di Pisa per il 96 % delle azioni, il Comune dovrebbe svolgere una azione di indirizzo e di controllo che invece sembra mancare. Nonostante l'aumento dei carichi di lavor…

verità e giustizia per Ivan

alle redazioni giornalistiche Verità e giustizia per Ivan A distanza di dieci giorni dalla morte di Ivan , chiediamo che sia ripristinata la verità e resa giustizia al giovane attivista di Unità migranti Lo chiediamo per la sua famiglia e per quanti lo hanno apprezzato, che la giustizia faccia il suo corso accertando fatti e responsabilità nel piu' veloce tempo possibile Nella frettolosa cronaca giornalistica, Ivan era presentato come un badante ucciso al termine di una lite per futili motivi esasperata dall'alcool Abbiamo avuto modo di conoscere Ivan apprezzandone l'entusiasmo e l'impegno a favore dei migranti ai quali ha dedicato anni del suo tempo libero, contribuendo a fondare l'associazione unità migranti e intrattenendo relazioni con comunità e istituzioni locali, un giovane uomo equilibrato e disponibile verso chiunque chiedesse un aiuto. Ivan aveva studiato in Italia diplomandosi e scegliendo di aprire una attività imprenditoriale in provincia, non era…

Indotto piaggio: licenziamenti in arrivo alla Ristori.

Presidio permanente alle Officine Ristori di Montecalvoli, frazione di un piccolo comune a pochi chilometri da Pontedera Le officine Ristori fino ad oggi impiegavano 119 dipendenti, 83 dei quali operai, una  fabbrica metalmeccanica che vive delle commesse della Piaggio, telai, manubri, componentistica per le due ruote e un reparto per lavorazione di alluminio e acciaio destinati a moto e scooter La crisi della Ristori non è degli ultimi giorni ma parlare di crisi sarebbe fuorviante: la azienda da anni ricorre agli ammortizzatori sociali, cassa integrazione ordinaria e straordinaria, il prossimo 5 Ottobre non ci sara' alcuna proroga ma la la mobilità\licenziamento per 61 dipendenti Lo ha ribadito la proprietà nell'incontro di ieri con i sindacati provinciali Fiom e Uilm, era nell'aria questa decisione nonostante la fabbrica da mesi lavori a pieno regime Dove nascono questi esuberi? Abbiamo intervistato alcuni lavoratori e solidali attivi a Pisa  e provincia e presenti f…

Assemblea del personale comune di Pisa sulla contrattazione decentrata

Nella trattativa in corso da alcuni mesi sul contratto decentrato, la rsu ha verificato nonostante qualche apertura dell’Amministrazione, l’impossibilità di definire soluzioni differenti da quelle inizialmente presentate. La Rsu ha cercato di incrementare il fondo della produttività (e la produttività individuale), per almeno un biennio, ma rimanendo ferma l’A.C nella sua proposta, anche l’incremento ottenuto rischia di essere vanificato INFATTI I 200 mila euro in piu’ proposti non vanno tutti in produttività Vediamo perché: • circa 60 mila euro saranno necessari per garantire a tutto il personale uguale produttività senza decurtazioni, • 12 mila euro saranno destinate alle specifiche responsabilità per i servizi educativi • 5 mila per ulteriori responsabilità (quali?) • 20 mila euro per le posizioni organizzative nell’anno 2016 e 40 mila euro per gli anni successivi Quanti soldi restano nel 2016? Circa 103.000 euro nel 2016 e nel 2017 circa 80.000 euro. Come destinare le…

Psyop: operazione Siria

L’arte della guerra Psyop: operazione Siria Manlio Dinucci Le «Psyops» (Operazioni psicologiche), cui sono addette speciali unità delle forze armate e dei servizi segreti Usa, sono definite dal Pentagono «operazioni pianificate per influenzare attraverso determinate informazioni le emozioni e motivazioni e quindi il comportamento dell’opinione pubblica, di organizzazioni e governi stranieri, così da indurre o rafforzare atteggiamenti favorevoli agli obiettivi prefissi». Esattamente lo scopo della colossale psyop politico-mediatica lanciata sulla Siria. Dopo che per cinque anni si è cercato di demolire lo Stato siriano, scardinandolo all’interno con gruppi terroristi armati e infiltrati dall’esterno e provocando oltre 250mila morti, ora che l’operazione militare sta fallendo si lancia quella psicologica per far apparire come aggressori il governo e tutti quei siriani che resistono all’aggressione. Punta di lancia della psyop è la demonizzazione del presidente Assa…

SOS sanità anche in Toscana

sos sanità anche a pisa Negli ospedali italiani mancano quasi 50 mila infermieri, per lo piu’ nel centro sud dove il diritto alla salute da decenni viene negato. Dovrebbero essere circa 310.500 ma ad oggi superano di poco 269.100 unità. Quanti ne mancano nell'ospedale di Pisa? Sarebbe utile che a dirlo fossero i vertici dell'azienda ospedaliera e gli stessi sindacati a confutare e confermare i dati fornii visto che con uno dei prossimi decreti Madia sul pubblico impiego cancelleranno anche le dotazioni organiche, giusto per risparmiare ulteriormente cancellando posti di lavoro e servizi pubblici Parlavamo degli infermieri la cui età media è sempre piu' elevata (i dipendenti pubblici italiani sono del resto i piu' vecchi d'Europa)  e i carichi di lavoro ormai insostenibili. Lo stesso discorso andrebbe fatto per medici e altre figure indispensabili. Ma perfino la denuncia delle carenze e dei mancati investimenti puo’ essere motivo di provvedimento disciplinare e l…

Le bollette italiane? Le piu' alte d'Europa

Le bollette della luce e del gas in Italia sono tra le più alte in Europa , a dirlo una inchiesta dettagliata della CGIA di Mestre e reperibile in rete (http://www.cgiamestre.com/wp-content/uploads/2016/09/Tabelle-tariffe-2006-2016.pdf) ) Secondo la cgia invece i prezzi dei treni sono tra i meno cari ma forse si dimentica che in lunghe tratte è praticamente impossibile viaggiare su rotaie per la sporadicità del servizio(vedi i binari unici delle regioni meridionali e i tempi biblici per spostarsi anche di poche decine di km tra coincidenze mancanti e orari disagiati     L’Ufficio studi della CGIA ha condotto uno studio sulle tariffe applicate in vari paesi della Ue e si scopre che i costi a carico delle famiglie italiane sono tra le piu' esose, il 10% in piu' della media europea    Sembrerebbero basse anche le spese dell'acqua ma su questo punto nutriamo dei dubbi perché il confronto avviene con paesi geograficamente diversi che non hanno le stesse potenzialità del nostro…

Correttivi al jobs act:al peggio non c'è mai fine

A giorni il Consiglio dei Ministri approverà i correttivi al famigerato jobs act. Perseverare è diabolico, nessuna presa di atto che lo strumento del jobs non è servito a far ripartire l'economia e a creare nuovi posti di lavoro(in commissione lavoro al Senato era di questo avviso anche il ministro Poletti salvo poi cambiare idea inanellando dati contraddittori) ma solo a regalare soldi alle imprese. Ora il Governo sta mettendo mano al jobs perché la crisi di sistema determina perdita di posti di lavoro e le vie di uscita non si intravedono e la richiesta della Confindustria e dei sindacati è di allungare la durata e la platea dei beneficiari degli ammortizzatori sociali che lo stesso Governo ha ridotto drasticamente Sta dunque per arrivare un’integrazione salariale straordinaria di 12 mesi per i lavoratori delle imprese nelle aree della cosiddetta crisi industriale complessa per le quali l'ammortizzatore sta per finire o è da poco terminato(ultimo semestre del 2016) Pensia…

La guerra tra poveri nel paese delle terme

A noi non interessa entrare nel merito di polemiche, i problemi vanno affrontati e risolti e sicuramente la gestione dei servizi, del personale e degli appalti a San Giuliano Terme rappresenta un problema Avete presente la guerra tra poveri? Il comune di San GIuliano Terme sostiene la sua società in House Geste, una parte non indifferente del bilancio è impegnata a sostegno della stessa. Allo stesso tempo la gestione del personale e dei servizi in Geste non sempre funziona e non certo per responsabilità del personale. Diminuiscono i plessi da pulire e nel capitolato delle pulizie è prevista la riduzione da parte del Comune dei servizi (e dei costi), solo che dimentichiamo le conseguenze pratiche di questa decisione: riduzione delle ore e del salario per lavoratrici già in part time. Ci sono doveri morali ed etici degli enti pubblici verso le lavoratrici e i lavoratori ai quali l’amministrazione non potrà sottrarsi: tutelare i salari e i posti di lavoro, non chiediamo di pagare con …

Da imprese a cooperative: il modello capitalistico emiliano

Sai cosa siano i «workers buyout»? Emilia leader per aziende salvate dai dipendenti Una cinquantina di imprese salvate negli ultimi cinque anni, per 1.200 posti di lavoro e 178 milioni di euro di giro d’affari , sono dati resi da Il sole 24 ore Di cosa stiamo parlando? Società di capitali che si trasformano in cooperative, dipendenti che passano al ruolo di soci, lavoratori subordinati trasformati in imprenditori Quanto accade in Emilia accade, seppure in misura minore, anche altrove: per non perdere i posti di lavoro si rinuncia al tfr, si investono risparmi per rilevare quote azionarie, ci si tassa e si lavora 10\12 ore al giorno Dagli Usa all'Italia, ma capiamo bene di cosa stiamo parlando perché di cooperativo c'è ben poco, negli Usa sono stati i fondi pensione ad intervenire in questa opera di trasformazione fiutando un business redditizio Normative di legge vecchie, dalla Marcora del 1985 alla legge del 2011, insomma i salvataggi di aziende destinate alla chiusura e…

Naspi ed esuberi?

La Naspi  si utilizza per i lavoratori licenziati, per questo i sindacati del credito  e le banche insorgono e vorrebbero cambiare rotta
Le banche e i sindacati del settore si sono dotati di un Fondo di solidarietà,  da cui hanno attinto i soldi necessari agli esuberi senza licenziamenti
Ma ora le cose stanno cambiando e le banche vorrebbero ricorrere alla Naspi per un stagione all'insegna di grossi tagli agli organici del settore
Il discorso è molto semplice: nel settore del credito stanno per arrivare tagli poderosi e i sindacati di categoria vorrebbero evitare i licenziamenti senza contrastare le ristrutturazioni anticipate dal premier Renzi
La cgil ha avanzato la proposta , quella di accogliere la proposta di un maxi contratto unico per le banche  e le assicurazioni, insomma si unificano al ribasso i contratti e si taglia il costo del lavoro lasciando la Naspi alle altre categorie. L'ennesima proposta al ribasso all'insegna della concertazione che taglierà in silenzio…

Presidenti di guerra

L’arte della guerra
Esplosive mail della Clinton
Manlio Dinucci
Ogni tanto, per fare un po’ di «pulizia morale» a scopo politico-mediatico, l’Occidente tira fuori qualche scheletro dall’armadio. Una commissione del parlamento britannico ha criticato David Cameron per l’intervento militare in Libia quando era premier nel 2011: non lo ha però criticato per la guerra di aggressione che ha demolito uno stato sovrano, ma perché è stata lanciata senza una adeguata «intelligence» né un piano per la «ricostruzione».

Lo stesso ha fatto il presidente Obama quando, lo scorso aprile, ha dichiarato di aver commesso sulla Libia il «peggiore errore», non per averla demolita con le forze Nato sotto comando Usa, ma per non aver pianificato «the day after».

Obama ha ribadito contemporaneamente il suo appoggio a Hillary Clinton, oggi candidata alla presidenza: la stessa che, in veste di segretaria di stato, convinse Obama ad autorizzare una operazione coperta in Libia (compreso l’invio di forze spe…

Sanità: vietato il diritto alla informazione \denuncia civica e sindacale

ISCOTT : CI RIGUARDA TUTTI\E.

La vertenza dei sette operai addetti alle pulizie nel polo logistico di Pontedera, assunti lo scorso febbraio dall'agenzia interinale Sinergy per conto della Iscot di Torino, riguarda tutti\e.
L'appalto alla ditta Sole di Pontedera non è poi diverso da innumerevoli altri appalti costruiti con agenzie interinali che ricorrono a contratti a tempo determinato e paga oraria di 5,80 euro all'ora, turni e carichi di lavoro massacranti, lavora...tori usa e getta senza diritti e tutele.
Comprimere il costo del lavoro, sfiancare gli operai e realizzare il massimo profitto sulla loro pelle è la logica dominante alla quale non possiamo cedere. Iscot Italia spa di Torino, operativa dal 1985, è una delle prime cinque società nel settore delle manutenzioni e pulizie tecniche, con interventi anche di global service , presente in Europa e nel terzo mondo, tra le committenti troviamo Piaggio ed FCA. Un colosso del genere potrebbe applicare condizioni di paga e contratt…

Piacenza:amare riflessioni

In viaggio per Piacenza, entri in città e capisci il clima creato ad arte dalle dichiarazioni che avevano presentato la manifestazione come una calata di barbari: vigili urbani agli svincoli, perfino la croce rossa in forze, negozi chiusi, aree di parcheggio destinate solo ai manifestanti. Una massiccia presenza di CC, Ps e GdF in tenuta antisommossa, blindati e decine di agenti in borghese, molti con  telecamere e macchine fotografiche.

Alle 13 in Piazza della Stazione si è riunita Usb, la parte piu' consistente del corteo che alla fine raggiungerà al massimo 4 mila unità.

Sparsi per l'area della stazione altri gruppi, sparute le presenze di Rifondazione, Pcl, Partito comunista e altri gruppi, il corteo è composto da militanti per lo piu' sindacali, da solidali e militanti politici

Sicobas e adl si concentrano in piazza Cittadella, accanto a Palazzo Farnese, il Sol cobas è in presidio davanti alla stazione, lo Slai cobas per il sindacato di classe ha riempito un autobus …

Pregiudizio perbenista o rassegnazione? Verità e giustizia per Abd Elsalam Ahmed Eldanf, . Tutti a Piacenza

All'indomani dell'uccisione del facchino di Piacenza, il Fatto quotidiano ha diffuso un video  esclusivo che sarò dirimente per l'accertamento dei fatti.
(http://tv.ilfattoquotidiano.it/2016/09/16/piacenza-il-video-esclusivo-dellinvestimento-delloperaio-avvocato-dimostra-che-non-vi-fu-istigazione-e-un-incidente/560569/)

Sono ovviamente seguite le dichiarazioni  dei legali a difesa dei padroni del magazzino Gls . A noi non interessa la cronaca se non ribadire che un operaio è stato ucciso nel corso di un picchetto e non c'è niente di accidentale e fortuito visti gli innumerevoli precedenti con manifestazioni della logistica investiti da corrieri o vittime di aggressioni di padroncini.

I picchetti fanno male ai padroni, sono una forma di lotta efficace ma dolorosa, non sono come gli scioperi farsa di cgil cisl uil cogestiti con l'azienda e le istituzioni locali

Siamo basiti dalla ricostruzione rapida operata dalla Questura, siamo certi che acquisire maggiori prove e …

Una cordoglio che non ci riguarda

E' morto a 95 anni l'ex presidente della Repubblica e del Consiglio, Ciampi. Lo celebrano da destra a sinistra, Trichet lo definisce un grande italiano e un grande europeo

Per sapere chi sia Carlo Azelio Ciampi, basta sfogliare qualche giornale o andare su Internet, a noi preme invece sottrarsi dal cordoglio unanime e ricordare che
fu l'artefice della moneta unica, l'euro, e contribui' a costruire una Unione Europea a trazione tedescada presidente del Consiglio fece approvare una delle Leggi Finanziarie piu' dure in termini di sacrifici per la classe lavoratrice, la riduzione del deficit  dal 6,4 al 2,7 costò innumerevoli tagli allo stato sociale e al costo del lavoro, privatizzazioni diffusedietro a quella eleganza e sobrietà che gli veniva riconosciuta c'era  una vita nelle lobby che contano, nella Scuola normale prima e nel club dei grandi banchieri e uomini della finanza, del resto non si sta per puro caso a capo della Banca d'Italia dal 1979 al 199…

Piacenza: tragica fatalità od omicidio padronale?

"C'è la necessità di tenere alto il livello di attenzione, anche per i riflessi sotto il profilo dell'ordine pubblico", lo scrive il Viminale nel suo rapporto annuale sull'ordine pubblico

Peccato che nella lista dei soggetti socialmente pericolosi per l'ordine pubblico troviamo ambientalisti di varie regioni (la difesa del territorio e dell'ambiente dalle grandi opere di devastazione dovrebbe essere l'ultimo dei pensieri di un Governo...)   ma anche innumerevoli nuclei  di lavoratori e sindacati di base. Vertenze come quella di Marghera o di Pomigliano , le lotte contro il caporalato sono motivi di preoccupazione per il Governo spingendolo a trasformare il malessere sociale e l'organizzazione sindacale in turbativa dell'ordine pubblico ? Parrebbe proprio di si' e tra i motivi salienti della preoccupazione governativa ci sono le lotte della logistica

Le lotte che da anni hanno strappato condizioni di vita e salariali dignitose, le lotte con…

Assemblea nazionale di Pubblico Impiego in movimento..appello

Appello ai partecipanti all’Assemblea di Bologna del 9 aprile 2016, Pubblico Impiego in Movimento, per riprendere il percorso unitario che avevamo costruito insieme con la mozione finale di Bologna: Diamo vita ad un coordinamento stabile delle realtà di base, dei delegati \lavoratori della Pa e a partire da oggi ci riuniremo periodicamente per estendere e rafforzare la mobilitazione e dare forza alle proposte scaturite dalla assemblea”. Non passa giorno senza qualche "succosa" anticipazione riguardante la prossima manovra finanziaria   o  le misure previdenziali o il contratto degli statali. Di sicuro l'estate è trascorsa non invano per Confindustria e Cgil Cisl Uil che a inizio settembre hanno redatto una proposta comune sugli ammortizzatori sociali che non porta benefici ai lavoratori ma solo alle aziende e spiana la strada a licenziamenti di massa "condivisi".

Dopo la boutade di un rinnovo contrattuale per il pubblico con aumenti solo per una minoranza di l…

Pace e guerra. approfondimenti...

L’arte della guerra La Bomba è autorizzata Manlio Dinucci
La B61-12, la nuova bomba nucleare Usa destinata a sostituire la B-61 schierata in Italia e altri paesi europei, è stata «ufficialmente autorizzata» dalla National Nuclear Security Administration (Nnsa), l’agenzia del Dipartimento dell’Energia addetta a «rafforzare la sicurezza nazionale attraverso l’applicazione militare della scienza nucleare».

Dopo quattro anni di progettazione e sperimentazione, la Nnsa ha dato luce verde alla fase di ingegnerizzazione che prepara la produzione in serie. I molti componenti della B61-12 vengono progettati e testati nei laboratori nazionali di Los Alamos e Albuquerque (Nuovo Messico), di Livermore (California), e prodotti (utilizzando in parte quelli della B-61) in una serie di impianti in Missouri, Texas, Carolina del sud, Tennessee. Si aggiunge a questi la sezione di coda per la guida di precisione, fornita dalla Boeing.

Le B61-12, il cui costo è previsto in 8-12 miliardi di dollari p…