Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2018

La performance idolatrata fa il suo ingresso nel contratto nazionale..Lavorare di piu' guadagnando meno

Da anni il salario accessorio negli enti locali è sottoposto alla valutazione di dirigenti e posizioni organizzative che in base al punteggio assegnato decidono nei fatti la quota di salario da erogare al singolo lavoratore.
Ora la cosiddetta “performance”  entra anche nel contratto nazionale, cosa del resto già prevista dal decreto Brunetta che viene ripreso e addomesticato nel nuovo contratto (ricordate quando la Cgil sosteneva che con i prossimi contratti del pubblico impiego anche la Brunetta sarebbe scomparsa?) 

Lo stesso Dlgs. 75/2017, stabilisce la stretta connessione tra salario accessorio e valutazione, nessuno spiega ai lavoratori e alle lavoratrici che si tratta di quella parte del nostro salario sottratta anni fa, con il sostegno sindacale, a una quattordicesima . Il salario diventa una variabile dipendente dalla valutazione dei dirigenti, anche quella parte del salario che dovrebbe invece essere corrisposta in busta paga a seconda dei livelli di appartenza è soggetta alla…

Approfondimento sulla militarizzazione dei territori:il caso Sicilia

Torna l’incubo dei missili a Comiso
https://www.youtube.com/watch?v=pgR7nD57P9g

Non rimaniamo in silenzio sulla detenzione a Praga di Salih Muslim

riceviamo e pubblichiamo

di Alberto Negri*
Dal New York Times: uno dei leader curdi del Rojava, Salih MUslim, il cui figlio è stato ucciso dall'Isis, è stato arrestato a Praga con una richiesta di estradizione delle autorità turche.

Il Partito curdo di Unione Democratica Pyd e la sua ala militare, le milizie popolari Ypg, sono considerate da Ankara organizzazioni terroristiche legate al Pkk di Ocalan. Ma in Europa e in Usa è nella lista delle organizzazioni terroristiche il Pkk non i gruppi curdi siriani del Rojava. Su che basi dunque arrestano Muslim che per altro è stato in Italia ospite di alcuni gruppi parlamentari oltre che attualmente del Parlamento europeo? In cambio di quale favore da parte di Erdogan verranno arrestati i leader curdi siriani alleati degli Usa contro l'Isis? Per tenersi i profughi, per allentare il blocco navale a Cipro? O altro ancora? I ricatti di Erdogan proseguono senza che alcuno osi alzare la voce. C'è un problema Assad, c'è …

In arrivo le nuove regole sulla contrattazione

I sindacati complici e il Governo Gentiloni hanno già trovato l'accordo sulle nuove relazioni sindacali ma rinvieranno  al prossimo Governo il compito di ratificare il tutto, onde evitare, a pochi giorni dal voto, ripercussioni negative? Non lo sappiamo ancora ma intanto di sicuro questo accordo sui salari e sulla rappresentanza è in dirittura di arrivo.

 Nulla di nuovo all'orizzonte, del resto solo un cieco non vedrebbe  il sistema delle relazioni sindacali già in atto, dall'accordo sulla rappresentanza nel privato (a quando la estensione al pubblico?), lo scambio diseguale tra aumenti in busta paga e bonus, lo smantellamento del welfare universale per favorire quello aziendale e della previdenza complementare. Da anni ormai non ragioniamo piu' in prospettiva, è prevalsa, come nel caso dell'accordo sulla rappresentanza del Gennaio 2014 , la logica della firma tecnica  illudendosi che si possa costruire rapporti di forza favorevoli subendo le regole …

Le lotte in sanità

DAL SOVRAFFOLLAMENTO DEI PRONTO SOCCORSO AL DESERTO NEI SERVIZI TERRITORIALI. I Pronto Soccorso della città scoppiano, decine di malati giacciono accatastati su barelle per giorni prima di avere la possibilità di stare su un letto vero. Questa è la naturale conseguenza di scelte politiche sanitarie e gestionali che danneggiano pazienti e lavoratori. Nel Lazio negli ultimi 15 anni sono stati tagliati circa 9.000 posti letto, di cui ben 4.000 negli ultimi 6, senza che a ciò corrispondesse nel territorio un incremento dell’assistenza domiciliare delle strutture sanitarie, abitative, e terapeutiche, ecc. Oltre a questo nella gestione dei posti letto, esiste una pesante ingerenza di interessi particolari. Troppo spesso per facilitare l’accesso ad un posto letto pubblico il paziente si deve sottoporre ad un circuito che comprende prima visite, esami, prestazioni di un sistema privato e costoso. Le stesse aziende sanitarie pubbliche usano meccanismi come l’intramoenia che costituiscono una tange…

Torna l’incubo dei missili a Comiso

L’arte della guerra
Torna l’incubo dei missili a Comiso

Manlio Dinucci
Il piano fu preannunciato tre anni fa, durante l’amministrazione Obama, quando funzionari del Pentagono  dichiararono che «di fronte all’aggressione russa, gli Stati uniti stanno considerando lo spiegamento in Europa di missili con base a terra» (il manifesto, 9 giugno 2015).

Ora, con l’amministrazione Trump, esso viene ufficialmente confermato. Nell’anno fiscale 2018 il Congresso degli Stati uniti ha autorizzato il finanziamento di «un programma di ricerca e sviluppo di un missile da crociera lanciato da terra da piattaforma mobile su strada».

È un missile a capacità nucleare con raggio intermedio (tra 500 e 5500 km), analogo ai 112 missili nucleari Cruise schierati dagli Usa a Comiso negli anni Ottanta.

Essi vennero eliminati, insieme ai missili balistici Pershing 2 schierati dagli Usa in Germania e agli SS-20 sovietici schierati in Urss, dal Trattato sulle forze nucleari intermedie (Inf), stipul…

Ghouta e Aleppo, le verità impazzite

Immagine
Riceviamo e pubblichiamo aggiornamenti dalla Siria
Ghouta come Aleppo, le verità impazzite
Parla padre Mounir di Damasco. «Ghouta non è un quartiere di vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario. Sono anni che sparano missili sulla capitale, uccidono innocenti, poveri civili»
di Leone Grotti, 22 febbraio 2018
«Lo so cosa scrivono i media da voi in Italia e in tutto l’Occidente sulla guerra che si sta combattendo a Ghouta. Raccontano solo una faccia della medaglia, nessuno si preoccupa del nostro dramma». Si confida così a tempi.itpadre Mounir, 34 anni, originario di Aleppo ma residente a Damasco, dove si occupa di un oratorio con oltre 1.200 giovani. Il salesiano fa riferimento ai durissimi scontri di questi giorni tra l’esercito del governo di Bashar al-Assad e le formazioni terroristiche che difendono Ghouta orientale, nella periferia della capitale. Secondo l’Osservatorio per i diritti umani, organizzazione vicina agli estremisti, negli ultimi giorni sarebbero morte quasi 3…

Assemblea operaia a Pisa: rilanciare le lotte il conflitto in fabbrica...a cominciare dalla Fca

A seguire il verbale della assemblea tenutasi alla Casa del Popolo di Pisanello (Pisa)

Domenica 25 febbraio si sono riuniti a Pisa lavoratrici e lavoratori del Gruppo Fca di Mirafiori , di Cassino e di fabbriche dell’indotto auto e solidali. La riunione segue l’incontro avvenuto a Termoli il 17 febbraio che ha coinvolto lavoratori di Pomigliano, Melfi e Termoli e che ci vede in sintonia con la volontà d
Domenica 25 febbraio si sono riuniti a Pisa lavoratrici e lavoratori del Gruppo Fca di Mirafiori , di Cassino e di fabbriche dell’indotto auto e solidali. La riunione segue l’incontro avvenuto a Termoli il 17 febbraio che ha coinvolto lavoratori di Pomigliano, Melfi e Termoli e che ci vede in sintonia con la volontà di dare vita a un coordinamento  unitario dei lavoratori Fca e indotto e a sviluppare iniziative condivise e comuni. La situazione del gruppo Fca vede l’anno 2018 come terminale rispetto a produzioni un tempo significative e che ora Marchionne e Fiat han…

Contratto sanità:un altro contratto a perdere

CONTRATTO MALA SANITA'
Le scadenze elettorali, quella politica del 4 Marzo e quella di Aprile per il rinnovo delle RSU nel Pubblico Impiego, sono il vero contenuto del rinnovo del CCNL della Sanità Pubblica, ultimo in ordine di tempo della “maratona” acchiappa voti. Invece di un vero rinnovo che recuperasse il blocco contrattuale che dura da dieci anni, ci troviamo di fronte non più alla complicità ma ad una vera e propria cogestione sulle spalle dei lavoratori.
AUMENTI SALARIALI CHE EQUIVALGONO A POCO PIU' DI 55 EURO MENSILI ARRETRATI SOLO PER GLI ULTIMI DUE ANNI CHE VALGONO 20 EURO AL MESE in cambio di:
AUMENTO DELLA FLESSIBILITA' DEROGHE ALLE LEGGI SULL'ORARIO DI LAVORO (RIPOSI) CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO TUTTA “MERITOCRATICA” AUMENTO DEI FONDI QUASI NULLO COGESTIONE DEI SINDACATI FIRMATARI NELLE VALUTAZIONI DI MERITO SPOSTAMENTO DEI PREMI VERSO LE FIGURE APICALI AUMENTO DEI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO AUMENTO DEI CONTRATTI PART TIME NESSUN PIANO PER LE STABILIZZAZIONI…

Incognita africana per il futuro governo Italiano...

Mentre Casapound parla di invadere la Libia (del resto in tempi di rivalutazione \esaltazione del fascismo non poteva che tornare di moda anche il colonialismo  nostalgico delle terre italiane al sole africano), mentre la Lega ogni giorno parla delle nostre città "assedite" da clandestini e delinquenti (leggere i dati de Il sole 24 ore e del Viminale sulla riduzione di numerosi reati è forse troppo per questi luminari della politica?), restano insolute numerose questioni legate agli scenari futuri della polutica estera italiana.
Partiamo allora dalle dichiarazioni dell'uomo forte del Governo Gentiloni, l'ancora per poco ministro  Marco Minniti: «Noi abbiamo cercato di governare il fenomeno migratorio che ora è sotto controllo: per l’ottavo mese consecutivo i dati dei flussi sono col segno meno».
L'obiettivo del Governo Italiano era limitare , ad ogni costo, il flusso di immigrati dall'Africa con approdo sulle spiagge libiche, per farlo bisognava trovare un …

Domani alla casa del popolo di Pisanello (Pisa) assemblea operaia

Appello riunione FCA del 25.2 a Pisa
La situazione all’interno del gruppo Fiat ha ormai imboccato una strada terminale. Il 2018 sarà l’anno dello smantellamento definitivo della produzione dell’auto in Italia. L’ultima novella sullo stabilimento di Mirafiori racconta di una estensione del contratto di solidarietà a tutti i lavoratori dello stabilimento, della prossima fine della produzione del modello della Levante, e al raggiungimento – a luglio 2018 - dei tre anni di ammortizzatore sociale, della prossima espulsione dalla fabbrica sia dei 2080 esuberi la questione con ulteriori esuberi dichiarati sia anche del rimanenti lavoratori che non avranno più un modello da produrre La fine appare segnata e imminente per lo stabilimento di Pratola serra . Melfi, Termoli e Pomigliano continuano ad essere devastati dalla Cìassa e dai CdS, e a Cassino è ormai finito il tempo in cui i lavoratori venivano deportati dagli altri stabilimenti per supportare temporanei picchi produttivi. Nel panoram…

La piazza manifesta, la polizia carica

riceviamo e pubblichiamo alcune riflessioni sulla odierna manifestazione a Pisa

Nei prossimi giorni molto dovremo discutere anche sulle modalità di scendere in piazza. Detto cio', e senza ipocrisia, evitando di nascondersi dietro a comunicati di pelosa solidarietà da parte di chi in piazza non c'era (per ritegno non citiamo le realtà che da troppo tempo hanno assunto l'abitudine di stare a casa e poi per visibilità e opportunismo solidarizzano), è bene prendere atto che la linea del Viminale è quella di garantire piena agibilità ai gruppi di destra che partecipano alle elezioni.

Forse sarebbe stato un segnale di coraggio politico scegliere altre modalità di manifestare da parte di chi in piazza non è sceso ma poi,  per calcolo elettorale (per le elezioni politiche o le future comunali) o per mera sopravvivenza nella comunità politica, ha inviato a mezzo stampa il solito comunicato  di solidarietà.

Bisogna garantire la libertà di espressione specie in campagna elettorale, n…

Per un voto si genuflettono al niente

www.resistenze.org

Tiziano Tussi

20/02/2018

Domenica 18 febbraio, prima pagina de Il sole 24 ore. Peana per la riunione della Confindustria a Verona il giorno prima. Una esaltazione per l'industria 4.0. Per chi non lo sapesse, dovrebbe essere la quarta forma della produzione industriale dopo il vapore, la catena di montaggio, i computer, ecco la cibernetica.

Cosa voglia dire poi la cibernetica per la produzione capitalistica italiana, per le tante cantine dove ci si distrugge di lavoro nero, nella raccolta dei prodotti della terra decisi del caporale di turno, nelle condizioni più pesanti di lavoro usurante in vario modo, per turni di lavoro massacranti senza neppure la corresponsione di stipendio adeguato, in stage a costo zero per l'azienda. Insomma non si capisce proprio cosa ci sia da esaltare per la Confindustria.

Naturalmente in Italia vi sono pure isole di modernità capitalistica ma non di modernità di sfruttamento che deve essere tanto, sempre e continuativo ne…