Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Quota 100 e Pubblico impiego

Quota 100 non è poi cosi' vicina per i dipendenti pubblici se pensiamo che la prima finestra arriverà a fine estate 2019. 
I primi candidati  nella Pa dovrebbero aspettare 9 mesi prima di potere vedere l'agognato assegno previdenziale, questo ed altro sarà dentro un apposito disegno di legge collegato alla manovra. I conti non tornano se si allontana la data di decorrenza applicando finestre che provano ad allontanare la pensione.
La ragione di tutto cio' è legata ai primi approssimativi calcoli su quanto personale andrà in pensione, ebbene interi uffici pubblici potrebbero restare sguarniti, per questo due , rispetto alle 4 del privato, saranno le finestre previdenziali per il pubblico. 
Prima si lancia la quota 100, poi ci si accorge delle difficoltà e quindi si prova ad allungare i tempi, infine si deve predisporre le quote di solidarietà ( 5 presumibilmente)  da applicare alle pensioni piu' elevate, quelle tra 130 e oltre 500 mila euro annue.  
Il prelievo, la cui…

VERTENZA SCUOLABUS COMUNE DI PISA

Immagine

Turchia emergenza democratica A Pisa sabato 3 Novembre

Immagine

Contratto pubblico impiego: ora si ricordano dei finanziamenti

La manovra economica alla fine ha ben pensato che fosse contraddittorio e elettoralmente pericoloso non finanziare i contratti di 3,2 milioni di dipendenti della Pubblica amministrazione.
Sono cosi' arrivati a 4 miliardi nell'arco di un triennio i fondi per il rinnovo del contratto degli statali, passano da 2mila a 3mila le assunzioni per  uffici giudiziari e carceri minorili.La manovra è ancora in fieri ma i nuovi contratti degli statali dovrebbero arrivare ossia nello specifico : 1,1 miliardi per il 2019, 1,425 per il 2020 e 1,775 per il 2021.
Tradotto in soldi ? 33 euro in più nel primo anno, 42 nel secondo e 53 a regime. Ma il 2019 se ne andrà con l'indennità di vacanza contrattuale e il cosiddetto elemento perequativo senza il quale i contratti saranno in decisa perdita. Ma intanto  i problemi potrebbero nascere altrove, dalle partecipate al contratto dei dirigenti, dalla dismissione di aziende che tuttavia hanno tanti dipendenti. 
Sulle partecipate esiste una li…

Il convitato di pietra al tavolo Italia-Russia

L'INVERSIONE DI TENDENZA

Escalation razzista degli ultimi mesi...

La drammatica escalation delle aggressioni razziste degli ultimi mesi.
In ottobre altra pericolosa accelerazione frutto del clima di crescente
 intolleranza presente nel paese
La violenza espressiva verbale aggiunta ai contenuti discriminatori e razzisti, divenuti entrambi strumenti di propaganda politica e di coagulo del consenso elettorale da parte di alcune forze politiche, stanno non solo creando un cambiamento antropologico nel popolo italiano, sempre più intollerante verso gli immigrati, ma hanno anche innescato una spirale di violenza ai danni degli stranieri che si è trasformata in uno stillicidio, ormai quasi quotidiano, di episodi di violenza.
La crescente ondata di violenze contro profughi e immigrati, dopo esser finita sotto i riflettori mediatici nazionali in occasione dell'aggressione armata di Macerata di febbraio scorso, è stata progressivamente diluita nel calderone delle notizie diffuse dagli organi di informazione, e, anche a causa della consueta mancata condanna da…

Amianto e uranio impoverito:la strage continua

Intervento del Sindacato Generale di Base all'assemblea di Poggibonsi

Cari\e, non potendo essere presenti di persona, volevamo dare un contributo al dibattito.
Partiamo dallo sciopero del 26 Ottobre e dalla manifestazione partecipata a Taranto;la scelta per noi non era causale, scegliere la città dell'Ilva come sede di una delle principali manifestazioni dello sciopero generale è stata per noi una decisione obbligata dopo l'infame accordo Ilva sottoscritto da Cgil Cisl Uil , Ugl e anche Usb.
Infame un accordo che mette i lavoratori davanti a una scelta :o il lavoro o la salute rinunciando a nazionalizzare la fabbrica riconvertendola a produzione non nocive per l'ambiente , la salute della cittadinanza e degli stessi operai.
Una strage di innocenti in questi anni con il quartiere Tamburi limitrofo all'Ilva dove i bambini nelle giornate ventose non possono neppure giocare all'aria aperta.
L'Italia è il paese dei siti inquinati che da decenni attendon…

PERCHE' IL FASCISMO NON SIA PIU',, OGGI COME IERI, L'AUTOBIOGRAFIA DELLA NAZIONE

PERCHE’ IL FASCISMO NON SIA PIU’, OGGI COME IERI, L’AUTOBIOGRAFIA DELLA NAZIONE di Franco Astengo Il 28 ottobre ricorre l’anniversario della Marcia su Roma: data simbolicamente assurta ad inizio del regime fascista. A distanza di tanti anni, esattamente novantasei, ci troviamo alle prese con evidenti rigurgiti fascisti nella pratica di vere e proprie provocazioni poste in atto in termini di simbologia e richiamo diretto, come abbiamo potuto notare proprio in questi giorni in alcuni episodi accaduti, per esempio, a Savona.  Ma veri e propri rigurgiti fascisti si avvertono anche a livello di schemi culturali, di comportamenti a livello di massa, di opzioni politiche concrete portate avanti  da soggetti che si collocano al governo del Paese e appaiono incontrare apparenti irresistibili fortune elettorali e di consenso da parte dell’opinione pubblica, senza ricevere quel contrasto che meriterebbero. Ricordando che il fascismo salì al potere pur rappresentando un’esigua minoran…

Decessi sul lavoro e malattie professionali per lavoro: le aziende non hanno bisogno degli sconti Inail

Crescono, stando al bollettino Inail, le patologie professionali e gli infortuni sul lavoro con esito mortale.Nei primi nove mesi del 2018 i casi di infortunio denunciati all’Inail sono stati 469.008, in diminuzione dello 0,5% rispetto all’analogo periodo del 2017. Non è solo questione di numeri che possono talvolta diminuire o aumentare, infortuni, malattie e morti sul lavoro continuano a provocare stragi di uomini e donne, anno dopo anno. Alle statistiche poi dovremmo sempre prestare attenzione visto che il parametro di confronto delle ore effettivamente lavorate nel corso dell'anno, della forza lavoro realmente attiva non sempre viene preso in esame prima di valutare se una voce, qualunque essa sia, presenta un segno positivo o negativo.

Per esempio nei primi 9 mesi dell'anno 2018 gli infortuni denunciati nella gestione Industria e servizi  risultano in lieve calo (dai 375.499 del 2017 ai 373.670 casi del 2018), come del resto in agricoltura (-2,4%) o tra gli statali (…

Il singolo delegato Rsu puo' convocare assemblee. Basta con la falsa unità della Rsu che opprime il conflitto nei luoghi di lavoro. Ora i delegati di minoranza non hanno piu' scuse

La Cassazione ha stabilito il diritto alle convocazioni di assemblee retribuite dei lavoratori non solo alla rsu nel suo complesso (o maggioranza) ma ha esteso il diritto anche ai singoli delegati. Ma attenzione: il singolo delegato Rsu deve essere stato eletto in una lista sindacale dotata del requisito della rappresentatività. Insomma una sentenza a dir poco singolare visto che un delegato con pochissimi voti puo' esercitare il diritto negato a un altro delegato, magari tra i piu' votati, che ha scelto di candidarsi nelle liste di un sindacato di base.

Una sentenza contro il sindacato conflittuale, di base e di classe che ribadisce il requisito della rappresentatività in  base all'articolo 19 della legge 300/1970, secondo la lettura offertane dalla Corte costituzionale (sentenza 231/2013). La sigla sindacale deve avere sottoscritto o il contratto nazionale oppure un contratto collettivo in una unità produttiva, cosa possibile nel privato ma difficile nel pubblico. Sar…

Per scioperare ci vuole coraggio, per lamentarsi basta avere solo fiato

Sta per finire la giornata dello sciopero generale del 26 Ottobre e qualche riflessione è doverosa. La fusione tra istanze giovanili e studentesche con quelle dei lavoratori non c'è stata se non laddove alcune aree politiche hanno deciso di portare acqua al mulino di un sindacato di base al quale sono legati da affinità politiche.

In tempi non lontani lo sciopero generale avrebbe coinvolto anche studenti medi e universitari, movimenti dell'abitare, questa volta ci siamo riusciti solo in minima parte e fin da domani urge una riflessione  seria e articolata oltre alla conseguente \ rapida inversione di rotta.

C'è comunque da dire che molti scioperi generali hanno avuto maggiore successo perchè ci siamo nascosti dietro agli studenti, l'utilizzo strumentale dei giovani ha avuto l'effetto di costruire un muro di diffidenza rispetto al mondo del lavoro, anche rispetto agli stessi insegnanti sindacalizzati che non sempre nella veste di docenti sono coerenti con le istanz…

I padroni chiedono al Governo piu' soldi per le Grandi opere

Il governo ha già smentito il suo programma elettorale dichiarando che i lavori per la Tav e il Tap andranno avanti. Ora che si apre il capitolo degli investimenti pubblici  i padroni tornano alla carica e chiedono piu' fondi per le grandi opere e norme sugli appalti pubblici favorevoli alle imprese. Che l'intento dei padroni fosse quello di riscrivere il codice degli appalti pubblici è cosa risaputa, non ci aspettavamo invece tanta arrendevolezza del 5 Stelle davanti alle grandi opere. E' in atto uno scontro in seno al Governo, nella società civile troppi silenzi perchè se dobbiamo scegliere tra il terzo valico e la messa in sicurezza di province, strade, fiumi, ponti e cavalcavia non abbiamo dubbi nel preferire la tutela e la sicurezza dei territori. Il Governo ha rinunciato definitivamente alla nazionalizzazione delle opere infrastrutturali, segno che la strade del Ponte di Genova non è stata fonte di insegnamento.
In questo scenario non poteva che inserirsi Confinustria…

Tra pensioni e investimenti pubblici:quello che manca nella Manovra del Governo

Siamo un popolo di falsi sportivi e ipocriti moralisti, il paese con milioni di commissari sportivi e allenatori che praticano solo lo sport dello zapping televisivo.

Il popolo delle auto menzogne (fino al 1943 erano quasi tutti fascisti salvo poi scoprirsi antifascisti) sta alla finestra a parlare di politica (cosi' crede di fare) con la solita lunga sequela di luoghi comuni, del resto se siamo il paese con il minor numero di giornali e libri venduti qualche deficit culturale sarà pur presente .
Ma siamo anche il paese dove gli intellettuali, specie quelli di sinistra, non passano giorno senza impartire lezioncine magari seduti comodamente sulle poltrone di una cattedra universitaria, nella redazione di qualche giornale o tv, intellettuali organici con il potere dominante, ben pochi sono le voci dissidenti e controcorrenti. Il popolo dei falsi sportivi aspetta quota 100 senza chiedersi se la Fornero sarà abolita (infatti rimarrà in piedi l'impianto di questa legge che a parole …

IL PRESIDIO AL GALILEI

Immagine

SAVONA: LA COSTITUZIONE DEVIATA DAI FASCISTI (CON IL BENEPLACITO DEL PREFETTO)

SAVONA: LA COSTITUZIONE DEVIATA DAI FASCISTI (CON IL BENEPLACITO DEL PREFETTO) di Franco Astengo A Savona, dopo le bombe dell’inverno 1974 – 75, stiamo vivendo un’altra stagione di provocazioni fasciste e di sfregio verso la profonda anima antifascista e democratica della Città: una profondità di senso e di comunione di intenti storicamente molto più pregnante degli stessi riconoscimenti ufficiali. Per rispondere a queste provocazioni succede tisi nell’ultimo periodo il Comitato Antifascista ha promosso per sabato 27 ottobre una manifestazione unitaria collegando anche l’intento antifascista con le iniziative antirazziste in programma in molte città d’Italia. Succede però che il tradizionale percorso delle manifestazione savonesi che dal centro città attraversa il quartiere operaio di Villapiana si troverebbe costretto, in questa occasione, a sfilare davanti alla sede di Casa Pound aperta proprio di recente. Verso questa apertura si sono già verificate diverse manifestazioni a…

Intervista sullo sciopero del 26 Ottobre

Il primo sciopero  generale contro il Governo Lega\5 stelle
 Intervista a Massimo Betti del Sindacato Generale di Base
D Uno sciopero a pochi giorni dal documento di economia e finanza del Governo?
Il 26 ottobre, in Italia e in tutti i settori, si sciopera, insieme al sindacalismo di base, CUB, SGB, SICOBAS E USI. Siamo i sindacati di base che non hanno sottoscritto il testo unico sulla rappresentanza, tra di noi esistono differenze ma abbiamo un punto comune qualificante ossia il rifiuto di relazioni sindacali basate sul compromesso con i padroni e i governi. L'indipendenza dai governi e l'autonomia degli interessi di classe non si pratica a corrente alternata. I punti qualificanti di questo sciopero sono l' abrogazione della  legge Fornero e del jobs act, eliminare ogni forma di precarietà, aprire una stagione contrattuale all’insegna della riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, diritto al lavoro e alla casa, fermare le fonti inquinanti dentro e fuori …

Il Razzismo che dilaga nel bel paese. Fermare la escalation xenofoba e razzista

La drammatica escalation delle aggressioni razziste degli ultimi mesi. In ottobre altra pericolosa accelerazione frutto del clima di crescente intolleranza presente nel paese
La violenza espressiva verbale aggiunta ai contenuti discriminatori e razzisti, divenuti entrambi strumenti di propaganda politica e di coagulo del consenso elettorale da parte di alcune forze politiche, stanno non solo creando un cambiamento antropologico nel popolo italiano, sempre più intollerante verso gli immigrati, ma hanno anche innescato una spirale di violenza ai danni degli stranieri che si è trasformata in un drammatico stillicidio, ormai quasi quotidiano, di episodi di violenza. La crescente ondata di violenze contro profughi e immigrati, dopo esser finita sotto i riflettori mediatici nazionali in occasione dell'aggressione armata di Macerata di febbraio scorso, è stata progressivamente diluita nel calderone delle notizie diffuse dagli organi di informazione, e, anche a causa della consueta mancata c…