Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Oggi presidio alla stazione Fs di Pisa

Altra strage ferroviaria annunciata: 23 morti e 50 feriti La nostra solidarietà e vicinanza ai familiari delle Vittime

La tragedia del 12 luglio in Puglia è stata una strage annunciata per aver imposto sistemi e condizioni di lavoro d'altri tempi. Hanno perso la vita pendolari, studenti, lavoratori, perché ritenuti cittadini e cittadine di serie B che possono anche morire tanto con buone assicurazioni si paga ... Questo dicono sfacciatamente i lorsignori!
Ad ogni strage, si assiste a rituali lacrime di coccodrillo, all'ennesima apertura di inchieste, a stantii ipocriti appelli per l'accertamento delle responsabilità.
La verità è chiara: una politica di abbandono della sicurezza per aumentare profitti ed interessi di pochi a danno di molti. I pendolari viaggiano in condizioni indecenti e rischiose. E' ancora più grave che simile trattamento sia riservato a chi utilizza il treno per studiare, lavorare e visitare il paese su treni meno costosi.
Sull'Alta velocità, i…

Madia e sindacati del pubblico impiego? Tutti insieme appasionatamente

Pubblico impiego: manovre estive
Il 26 Luglio si sono incontrati il ministro Madia e i sindacati del Pubblico impiego, un incontro giudicato positivo da entrambe le parti. Sfugge alla umana comprensione il motivo di tanto entusiasmo visto che le risorse economiche sono sempre le stesse e ai sindacati viene chiesto di condividere i vari decreti che stanno smantellando i settori pubblici Sarebbe troppo chiedere meno ottimismo e maggiore realismo? Il sindacato dovrebbe portare avanti una campagna verso la cittadinanza, spiegare lo stato di precarietà in cui sono i servizi al pubblico, indicare sprechi da abbattere e risorse da reinvestire In numerosi enti si parla di piani anticorruzione e trasparenza ma a leggere gli incarichi, gli affidamenti diretti di alcune gare, le consulenze esterne, gli incarichi e le prestazioni occasionali verrebbe il dubbio che dalla teoria alla pratica corre grande differenza. E' interesse dei lavoratori pubblici e della cittadinanza avere servizi miglio…

Pensioni, pensioni , pensioni, pensioni........

Riusciremo ad avere una pensione anticipata per i lavoratori precoci e un aumento delle pensioni piu' basse? 

La risposta è nelle mani del Governo ma dubitiamo che si possa arrivare ad una situazione onorevole che restituisca dignità, potere di acquisto e una via di uscita per chi lavorando da 40 anni e passa deve attendere anni prima dell'agognato e meritato assegno previdenziale.

Molto dipende dalle risorse che la legge di stabilità di fine anno assegnerà al capitolo previdenziale, molto dipende dalle operazioni governative che potrebbero per esempio rinunciare all'acquisto di qualche aereo da guerra o a costruire faraoniche e inutili grandi opere per reperire i soldi necessari. Ma gli intenti del Governo, si sa, sono ben diversi da quelli auspicabili.

Quanti soldi servono e dove saranno presi? Chi beneficerà di questa manovra?

Intanto non è scontato che misure a favore dei precoci e aumento delle pensioni basse siano contenute nella stessa manovra, è probabile che il Gover…

Presidio per Ocalan davanti al Comune di Pisa, Sabato 30/07 dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Su richiesta della comunità curda di Pisa e provincia, è convocato un presidio per informare e richiamare l'attenzione della cittadinanza e delle istituzioni circa l'inaccetabile deriva antidemocratica in corso in Turchia, ove continua il massacro avverso il popolo curdo, l'arresto e la tortura di tutti gli oppositori politici e degli appartenenti al mondo della cultura e del giornalismo.Soprattutto dopo il fallito colpo di stato e vista la successiva escalation della repressione, è sempre più alto il timore circa le condizioni di Abdullah Ocalan, simbolo dell'aspirazione all'autodeterminazione del popolo curdo e chiave per la ripresa di un processo di pace in Turchia. Ocalan è da 17 anni rinchiuso come unico detenuto nell'isola carcere di Imrali e vane sono state le richieste di incontro presentate dalla famiglia, dagli avvocati ed altri esponenti politici.
Nel corso del presidio sarà distribuita la lettera aperta inviata al Comitato europeo contro la tortura …

UN DISEGNO DI LEGGE IN SENATO PER STRAVOLGERE LA NORMATIVA SU SALUTE E SICUREZZA

Se questa legge dovesse passare ci sarebbero gravissime conseguenze per i lavoratori
Come rls, come newsletter Know your rights, denunciamo pubblicamente il tentativo di ledere ancora una volta i diritti acquisiti mettendo a rischio la nostra salute e sicurezza
Il DdL cosa prevede in sostanza? -eliminazione della valutazione dei rischi e della definizione delle misure di prevenzione e protezione e sostituzione con una “certificazione” redatta da un professionista (tecnico della prevenzione e/o medico del lavoro) pagato dal datore di lavoro: è ovvio che il professionista venderà a qualunque costo la sua “certificazione” dichiarando che va tutto bene; -deresponsabilizzazione del datore di lavoro in relazione a infortuni e a malattie professionali, se avrà dimostrato, tramite la “certificazione”, di avere adempiuto agli obblighi di legge; -sostanziale eliminazione dell’obbligo di vigilanza a capo del datore di lavoro e trasferimento della responsabilità a dirigenti, preposti e lav…

Scenari di pubblico impiego

 Incontro odierno Governo sindacati. Pubblico impiego dalla padella alla fossa della brace

Il punto saliente è la applicazione della Legge Brunetta. In attesa di conoscere i contenuti dell'incontro odierno, qualche riflessione è d'obbligo.
 Innanzitutto all'ordine del giorno c'è il nuovo testo unico sul pubblico impiego la cui definitiva stesura e approvazione è prevista entro l'anno corrente Definito il quadro, inclusa la soppressione degli scatti per gli statali e una sorta di mobilità forzata all'interno del pubblico impiego , arriveranno i rinnovi contrattuali Il Governo si muove su un doppio binario, da una parte rivedere tutte le normative in materia di pubblico impiego, dall'altra svuotare i contratti nazionali delle loro prerogative, incentivare il secondo livello di contrattazione e applicare la Brunetta. A quel punto sarà piu' semplice dettare un rinnovo contrattuale. Se il quadro è ben definito non lo è la tempistica perchè in vista del refendum …
Speciale appalti: come non subirli.....

COME SI VIVE OGGI IN ITALIA? SIAMO A LIVELLI DEL 1959

Una inchiesta della Cgia di Mestre...

http://www.cgiamestre.com/wp-content/uploads/2016/07/prezzi-23-lug-2016.pdf

Camere di Commercio, il Governo, la riforma e gli inganni

Camere di Commercio, il Governo, la riforma e gli inganni
Nel prossimo Consiglio dei Ministri, previsto per venerdì 29 luglio, approderà il decreto legislativo sulla riforma delle Camere di Commercio. Il testo girato in questi giorni (ad oggi non smentito dalle fonti ufficiali) desta preoccupazione e rabbia nei\lle dipendenti di tutto il sistema camerale (CCIAA, Unioni Regionali, Aziende Speciali e Aziende del sistema, in totale oltre 12.500 persone). Il Governo getta in pasto all'opinione pubblica e alle impresa una riforma che di riforma non ha niente, se non i tagli alle funzioni/servizi forniti alle imprese e al personale. Una riforma che non preveda innovazioni, implementazioni e miglioramento/efficientamento dei servizi non puo' definirsi tale, specie se comporta la riduzione di sedi sul territorio e di lavoratori siamo proprio su un'altra strada! L'intenzione del Governo, già palesata nel 2014 è il “superamento” (vedi lettera di Confindustria del 7/4/2014 indirizzat…

Lettera al sindaco e alla segretaria Generale: anteporre agli interessi dei cittadini al vostro programma di mandato

rinviamo a una lettera aperta scritta da Federico Giusti e pubblicata su Pisa Today

http://www.pisatoday.it/cronaca/personale-comunale-la-lettera-del-sindacalista-ma-il-comune-di-pisa-ha-solo-bisogno-di-alti-livelli.html

La dismissione delle partecipate e delle camere di commercio in arrivo...con il silenzio assenso sindacale

PARTECIPATE PUBBLICHE: CHE SUCCEDE?
C'era un tempo in cui le società partecipate nascevano per aprire ai privati la gestione dei beni pubblici con gli enti locali a rivestire un ruolo marginale eccezion fatta per la nomina dei dirigenti che sovente erano politici riciclati Poi società in house e in parte le partecipate sono anche servite per aggirare il tetto di spesa per il personale con cessione di rami di azienda a società fatte in casa con relativo personale Da tempo il Governo Renzi sta lavorando ad una dismissione di massa delle partecipate, hanno iniziato i goveni precedenti introducendo nella legge di stabilità 2014 l'obbligo per gli enti locali di dismettere quote in società non essenziali, da allora numerose aziende sono in liquidazione con tempi lunghi e prospettive incerte
Da settimane si discute  su quali criteri dettare per la dismissione delle società partecipate, nel frattempo si è scoperto che i managers sono strapagati e con i bonus si portano a casa milioni…

Consulenti esterni per la riorganizzazione del Comune? Spendiamo meglio i soldi dei cittadini

come ti organizzo il comune? dando migliaia di euro a una consulenza esterna Al Comune di Pisa la riorganizzazione dei servizi e del personale dovrebbe passare da una costosa consulenza esterna a cui affidare il compito. Ricordiamo le innumerevoli riorganizzazioni con incarichi dirigenziali, obiettivi cambiati piu' volte in corso di opera senza alcun risultato.
La riorganizzazione degli uffici e dei servizi dovrebbe invece avvenire senza costi aggiuntivi visto che tra dirigenti e posizioni organizzativi non mancano le competenze necessarie .
Non si capisce perché l'amministrazione chieda nuove posizioni organizzative quando non riesce neppure a gestire internamente personale e servizi e per farlo deve affidarsi all'esterno.
La realtà è comunque un 'altra, ossia che le richieste di personale pervenute dai dirigenti e dalle Po stridono con le volontà del sindaco  che antepone il raggiungimento degli obiettivi di mandato alla buona gestione della macchina comunale e predispon…

85 mila euro per la mostra dello scultore Giapponese a Pisa

COMUNICATO STAMPA

Chiunque a Pisa avrà notato queste curiose opere d'arte dello scultore Giapponese Khan Yasuda. In tanti si saranno chiesti quanto sia costato il tutto.

in allegato  il rendiconto con tanto di convenzione fra l'associazione e il comune. Il tutto è sull'albo pretorio del comune di Pisa di ieri 19 luglio.
L'associazione per predisporre la mostra chiede solo 85 mila euro. Ora con tutte le bellezze che ci sono a Pisa, era proprio necessario spendere questa somma, anche se per celebrare i rapporti commerciali tra Italia e Giappone? (tra Italia e Giappone, non fra Repubblica Marinara Pisana e Giappone).
Mediatiamo senza nulla togliere allo scultore

delegati e lavoratori indipendenti pisa
rimandiamo all'albo pretorio del comune per la documentazione

il presente comunicato è stato inviato alla stampa cittadina, vedremo se sarà pubblicato

RSU COMUNE PISA: NO AL VOSTRO PIANO OCCUPAZIONALE

In dataodierna, la rsu ha appreso dall’amministrazione comunale il prossimo piano della dotazione organica con le relative assunzioni che nel prossimo triennio riguarderanno solo la fascia d eccezion fatta per una categoria protetta in B. Siamo contenti delle assunzioni ma le riteniamo comunque non corrispondenti alle reali necessità.
E’ di questo che il comune di Pisa ha bisogno? Noi pensiamo di NO come dimostrano i recenti fatti (polizia municipale, servizi demografici e servizi educativi)
Non c’è traccia , né analisi e documentazione degli effettivi fabbisogni come prospettato dai dirigenti o dai singoli uffici, eppure i dirigenti dipendono direttamente dalla segretaria generale e dal sindaco e non dovrebbero esserci problemi a rendere note le loro richieste.
Ma per essere ancora piu’ chiari , cosa è il fabbisogno? La richiesta pervenuta dalle singole direzioni che, conoscendo i propri settori ,avanzano richieste motivate di personale essenziale per la gestione dei singoli servizi
Cosa…

igiene ambientale: appello dei lavoratori contro la intesa

ripartiamo da noi
a seguire l'appello che sta girando nei posti di lavoro per raccogliere adesioni contro la intesa contrattuale per le aziende pubbliche dell'igiene ambientale
Un appello dal basso, scritto a piu' mani dai delegati e dai lavoratori dell'igiene ambientale finalizzato a due obiettivi
costruire in ogni azienda i comitati per il no
aggregare lavoratori e lavoratrici a prescindere dalla tessera sindacale per impedire la firma di un accordo tra i peggiori prodotti negli ultimi anni, accordo che farà da scuola per l'igiene ambientale privata e lo stesso pubblico impiego


    IGIENE AMBIENTALE: DICIAMO NO ALL’IPOTESI DI ACCORDO  
Ci rivolgiamo ai lavoratori dell'igiene ambientale  con  o senza tessera sindacale , ci rivolgiamo a quanti in questi mesi hanno lottato scioperando e bloccando il lavoro straordinario pur di vedere rinnovato il proprio contratto e riacquisatare salario, diritti e dignità.
Dopo due giornate di sciopero ed altre due previste per metà l…

Cascina: le priorità sono lavoro e casa

Lavoro : la priorità dimenticata nel Cascinese
Estate 2016, qualcuno non si è ancora ripreso dalla sconfitta elettorale del pd, dimenticando di affrontare i problemi del territorio
Noi non faremo sconti all'amministrazione di centro destra come non li abbiamo fatti a quella del Pd, il sindacato se avesse mantenuto una reale autonomia dai partiti e dai loro interessi sarebbe sceso in piazza contro l'innalzamento dell'età pensionabile e il jobs act cosa che purtroppo per noi non è accaduta
Ci permettiamo allora di ricordare alcuni dei problemi piu' urgenti da affrontare e saremo volutamente schematici
Teatro di Cascina: un cartellone da approvare in fretta , condizione essenziale per i finanziamenti statali. Ma quali sono gli indirizzi che l'amministrazione comunale intende dare, a quando la sostituzione del cda dimissionario? I finanziamenti saranno confermati? Relazioni sindacali degne di questo nome saranno possibili'? Non avremo un ennesimo piano di rilancio c…

RICORSO PER CHI è STATO ASSUNTO NEL PUBBLICO IMPIEGO DOPO IL 2001

ASSUNTI NEL PUBBLICO IMPIEGO DOPO IL 2001: ricorrere contro la illegittima trattenuta come tfs dato che si  e’ in regime di tfr, paga…..

Si stanno moltiplicando infatti  le sentenze di 1° grado che dispongono l’immediata sospensione della predetta ritenuta e la restituzione di quanto indebitamente versato. Il principio (l'illegittimità della trattenuta sui lavoratori in regime di TFR) già espresso dalla sentenza 223/2012 e di nuovo confermato dalla sentenza n. 244/2014, depositata il 28/10/2014, suona da ammonimento nei confronti del Governo ma non ci sono segni di ravvedimento… La strada che proponiamo noi è di tenere insieme il dato della mobilitazione e quello giudiziario. Per tenere insieme questi due elementi, vediamo davanti una sola possibilità: bisogna massificare la strada del ricorso, renderlo un elemento endemico, spingere quanti più colleghi possibili a rifuggire la strada “parassitaria” del “fatalismo”, perché solo la presa di posizione personale e collettiva può sortire…

Provvedimenti disciplinari vecchi e nuovi

La NUOVA NORMATIVA SUI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI NELLA P.A. (che integra la pre-esistente regolata con il T.U. 165/2001)
In vigore dal 13/7/2016, tre i punti salienti: ci si riferisce esclusivamente alla “falsa attestazione della presenza in servizio” (i furbetti del cartellino sul piano mediatico); entro 48ore dall'evento (in flagranza e/o accertato con mezzi audiovisivi) c'è la sospensione cautelare (si ha diritto al solo assegno alimentare) il dipendente “assenteista” sarà anche denunciato alla Corte dei Conti per danno all'immagine della PA (la sanzione verrà modulata in relazione alla “rilevanza mediatica” del fatto, non potrà comunque essere inferiore a 6 mensilità + interessi e spese procedurali).
Le criticità (eventuali profili di illegittimità con le norme di cui al T.U. 165/2001): 1) Mancanza di contraddittorio la sospensione cautelare avviene prima che parta il procedimento disciplinare, senza che sia stato preventivamente contestato l'addebito al dipendente né…

Enigmi turchi

Immagine
in www.utopiarossa.blogspot.com

Da: "M.D.M." <no-reply@blogger.com> Data: 17 luglio 2016 21:34:18 CEST Oggetto: [RED UTOPIA ROJA]

IL GOLPE IN TURCHIA: UN TRAGICO ENIGMA di Pier Francesco Zarcone