Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2019

GLI SCIOPERI DEL 1 MARZO 1944

GLI SCIOPERI DEL 1 MARZO 1944: UNA LOTTA OPERAIA CHE HA SEGNATO LA STORIA D’ITALIA di Franco Astengo Come sempre ricordiamo gli scioperi operai del 1 marzo 1944. Scioperi rivolti contro l’invasore nazifascista. Scioperi che segnarono un punto di svolta nella Resistenza dimostrandone il radicamento nei settori decisivi della classe operaia delle grandi fabbriche. Da ricordare ancora, in questo giorno così importante per la nostra memoria storica, l’efferatezza che reca sempre con sé la guerra. Gli scioperi del 1 marzo 1944 furono prima di tutto un atto di “fierezza operaia” anche se furono soprattutto il frutto di una meticolosa organizzazione politica. Quella giornata va tenuta ancora come esempio di sacrificio e di dedizione alla causa comune della pace e della dignità umana ricordando il sacrificio dei martiri che in quei giorni subirono la deportazione nei campi di sterminio. Entrarono in sciopero, nelle diverse fasi della lotta, circa mezzo milione di operai nelle grandi fa…

DEMOCRAZIA CERCASI

Immagine

COMUNE DI PISA: una gestione del personale senza logica

Immagine

Il controllo del lavoratore

Quando il controllo sui lavoratori diventa sempre piu' asfissiante*
*Sindacato generale di base Pisa

Il grande fratello non è una trasmissione televisiva ma realtà, dallo Statuto dei lavoratori del 1970 sono trascorsi quasi 50 anni, i controlli sui lavoratori sono diventati sempre piu' pressanti e invasivi, l'apporto della tecnologia li ha trasformati in strumenti  con cui incutere paura e rassegnazione ,soprattutto nell'era dei licenziamenti illegittimi senza obbligo di riassunzione. Badge sostituito dalle impronte digitali per accertare le presenze, smartphone attraverso cui tracciare, minuto dopo minuto, la presenza e la esatta posizione del dipendente, algoritmi utilizzati allo scopo di ridurre i tempi morti e intensificare lo sfruttamento.
Con il jobs act è stato ottenuto il ridimensionamento delle autorizzazioni di parte sindacale prima di procedere con i controlli a distanza, veniamo da anni nei quali aziende pubbliche e private hanno investito tanti…

Amazon a Pisa: c'è da rallegrarsene?

Comunicato stampa
 Sindacato generale di Base Pisa

Amazon a Pisa: c'è da rallegrarsene? L'amministrazione comunale si faccia garante dei diritti della forza lavoro

Quali sono le condizioni di lavoro e di vita nella logistica? E ad Amazon ?
La new economy  si basa su un disequilibrio permanente con i diritti dei lavoratori calpestati dai profitti aziendali, dalle logiche di subappalto che riducono ai minimi termini i salari e, anche quando viene applicato un contratto nazionale, esistono ritmi e tempi di lavoro insostenibili. Le proteste degli ultimi mesi \anni sono eloquenti, in molte aziende si pratica una organizzazione del lavoro peggiorativa rispetto al cottimo, in 8 ore giornaliere devi consegnare fino a 160 pacchi a rischio di infortuni, incidenti, di sanzioni (se ti tolgono la patente perdi il lavoro), lo stesso allungamento dell'orario giornaliero è la norma e non frutto di scelta volontaria. Nei cambi di appalto si perdono tanti posti di lavoro e sovente…

Vendesi (senza idee) pezzi di città

a seguire il comunicato di MI RICONOSCI? SONO UN PROFESSIONISTA DEI BENI CULTURALI  SINDACATO GENERALE DI BASE PISA

Che l'Amministrazione comunale considerasse la cultura e la socialità l'ultimo dei suoi problemi era cosa risaputa ma non pensavamo si arrivasse a tanto . Veniamo da mesi nei quali l'Assessore alla cultura della Giunta leghista, Andrea Buscemi, ha evitato ogni risposta sull'utilizzo dello spazio espositivo Sms (complesso in San Michele degli Scalzi a poca distanza dalla Biblioteca Sms), della stessa biblioteca la cui terrazza è inagibile, inesistente la programmazione di eventi culturali che necessitano di fondi, quei fondi lesinati dall'amministrazione Conti come si evince dal sito stesso del Comune di Pisa .

Nell'estate scorsa Mi Riconosci e Sgb chiesero pubblicamente conto della gestione di questi spazi, invitarono l'assessore Buscemi ad un confronto pubblico su questi argomenti senza mai ricevere risposta.

Non siamo tra quanti credono che …

Comune di Pisa: una gestione del personale senza logica

A fine Ottobre abbiamo appreso di alcuni trasferimenti di personale, molti senza motivazione e logica alcuna, è venuta meno in alcuni casi anche la comunicazione preventiva ai diretti interessati. Dove sta allora la ratio di certi provvedimenti quando alcuni colleghi\e, settimane dopo, sono tornati\e negli uffici di provenienza? E perchè alcuni sì e altri no?
Trascorrono mesi e arriva la nuova macrostruttura (l'accorpamento di alcune direzioni meriterebbe delle motivazioni), anche in questo caso senza fornire informazione preventiva al sindacato. Il Governo "del cambiamento" è in piena continuità con il passato, non si comprende la logica  che sta dietro alla riorganizzazione, ignoti i fini e gli obiettivi della stessa.
Eppure dovrebbero essere gli obiettivi a determinare macrostruttura e microstrutture, per poi procedere con l'assegnazione delle posizioni organizzative e delle responsabilità di vario ordine e grado. Ma poi esiste una visione gener…

Il Premier Conte e il Sole.....

Una lunga intervista del presidente del Consiglio, rilasciata oggi a Il Sole 24 ore, merita qualche riflessione perchè quando si parla a uno dei piu' autorevoli quotidiani del paese si lanciano dei messagi politici ben definiti, questa volta al mondo imprenditoriale e della finanza. Non a caso il Governo Italiano si trova in un momento di impasse, elettoralmente guadagna consensi ma gli equilibri interni alla coalizione sono in crisi, dalle ultime tornate elettorali esce vincente la Lega mentre il Mov 5 Stelle perde molti voti. La intervista a Conte rilancia l'idea del Mov 5 Stelle come forza di governo ma allo stesso tempo sposta l'attenzione dai singoli ministri litiganti al presidente del Consiglio e capo del Governo. Una intervista che non aggiunge niente di nuovo a quanto già sapevamo ma lancia dei precisi messaggi, rassicuranti, agli industriali, al mondo della finanza, alla carta stampata che conta. Conte rassicura gli industriali sulle grandi e medie opere, i lavo…

Piaggio: utili alle stelle e dipendenti nelle stalle

Nell'arco di un ventennio la forza lavoro in Piaggio è diminuita di quasi due terzi, tra delocalizzazioni, pensionamenti, esternalizzazioni e appalti. La crisi  della Piaggio ha avuto ripercussioni negative sull'indotto della Valdera con la chiusura, o il fortissimo ridimensionamento, di alcune aziende che agivano in regime di monocommittenza.

Da anni operai\e attendono il passaggio da part time (stagionali) a full time, nel frattempo ci sono stati centinaia di pensionamenti, eppure dopo tanto tempo siamo ancora a parlarne. Intanto il Bilancio Piaggio 2018 si è chiuso con la crescita dell’80% dell’utile netto.  I ricavi netti, cosi' come il margine lordo industriale, risultano in forte crescita, quindi lo stato di salute della Piaggio è ottimale, sono annunciati per il prossimo due anni investimenti  pari a 115,3 milioni di euro (+33% rispetto al 2017).

Ma dove saranno investiti questi soldi? Negli stabilimenti sparsi per il mondo dove il costo del lavoro è r…

GIUSTIZIA

Se 858 euro vi sembran tanti...provate voi a viverci

Giorno dopo giorno scopriamo nuovi particolari sulle pensioni e sul reddito nel tentativo di correre ai ripari per gli effetti della quota 100 nella Pubblica amministrazione da un lato e per correggere leggi costruite frettolosamente e per esigenze elettorali.

Non stiamo a discutere nel merito del reddito o del contrasto tra reddito e lavoro, non torneremo a parlare della Legge Fornero non superata \cancellata ma solo sospesa per tre anni con la quota 100. In ogni caso si tratta di provvedimenti, piaccia o non piaccia, diversi dal passato vissuto all'insegna delle politiche di sola austerità e contenimento del debito. Sulla via di Damasco si scopre che l'anticipo del Tfs degli statali va incrementato e cosi' passa da 30mila a 45mila euro, ovviamente ricorrendo al prestito bancario.

Altra notizia degna di riflessione è quella dell'obbligo di accettare un’offerta di lavoro con un salario di almeno 858 euro al mese, o meglio questo è un emendamento presentato in Commiss…

A proposito di una intervista a Tremonti

Riceviamo e pubblichiamo

Sole 24 ore di domenica 6 gennaio ’19 ci dimostra alcuni aspetti paradossali della nostra vita politica recente. Da tante parole, sei colonne, non rimane niente. Solo confusione e caos intellettivo. Del resto, Tremonti era famoso per essere l’inventore della finanza creativa nei governi Berlusconi. Non solo. Assieme ad altri saggi, così venivano chiamati, Nania, D’Onofrio, Calderoli, Pastore, tutti esponenti del centro destro, in una baita in Cadore si mise a scardinare la nostra Costituzione, progetto che poi venne sonoramente bocciato dal popolo italiano a chiara maggioranza, nel referendum costituzionale nel 2006. 
Anche in questa intervista vengono ribadite le caratteristiche dell’uomo. Partiamo da una lapidaria constatazione: “Non essendo un economista mi permetto di rinviare a quanto scritto…” Bella ammissione per uno che è stato ministro dell’Economia e delle Finanze nei governi Berlusconi sin dall’inizio. Naturalmente l’uomo fa sfoggio di conoscenze filosof…

Contro il moderatismo...

Un Presidente moderato
Tiziano Tussi

19/02/2019   www.resistenze.org - osservatorio - italia - politica e società - 18-02-19 - n. 702
Contro il moderatismo. Prendo in prestito il titolo di un significativo libro di Ludovico Geymonat del 1978, che raccoglie suoi interventi, scritti, articoli dal 1945 al 1978. Il libro si trova in rete ma non più sul catalogo Feltrinelli. Non più ristampato. In linea con la politica di quella casa editrice da tanto tempo. Ma non è questo che importa ora. Il moderatismo, così come Geymonat scriveva in quegli anni, ha da sempre cercato di impedire in ogni tempo e spazio in cui si è espresso ogni posizione critica.

Il moderato per costituzione è un uomo, ma anche donna evidentemente, fermo. Che non trova necessità di proseguire in percorsi di studio, lavoro ed azione che possano indirizzare una situazione verso esiti moderni. Usiamo questo termine per riassumere altri concetti: indipendenza di giudizio, laicità e apertura mentale, bellezza e…

Dal Comune di Buti: salute e sicurezza per i lavoratori

a seguire il comunicato stampa del Sindacato generale di Base

LA SALUTE E SICUREZZA NON PREPOTENZA
Al comune di Buti la dirigente che coordina e programma il lavoro degli operai sta perdendo le staffe. Dopo il nostro ricorso alla asl per dei problemi di igiene e sicurezza che da tempo gli operai sollevano senza mai essere ascoltati, registriamo un comportamento da vecchio padrone delle ferriere. Si ordina a un operaio di eseguire dei lavori e quando un operaio fa notare  che l'attrezzatura a disposizione non è idonea e sicura per tutta risposta si sente dire
“ VA BENE VUOL DIRE CHE ANDRAI A MANGIARE A CASA DEI TUOI AMICI” CIOE' DEGLI ALTRI DUE OPERAI.
Non sono queste le risposte da dare a lavoratori che chiedono solo il rispetto della salute e sicurezza e rivendicano il diritto a lavorare nel rispetto delle normative. A chi rivendica diritti e rispetto delle normative non si risponde con toni degni del peggior caporalato nell'agricoltura.
Noi del sindacato generale di base …

Camp Darby:altro che restituzione di parte della base all'Italia

A SEGUIRE IL COMUNICATO STAMPA DEL SINDACATO GENERALE DI BASE

Non esiste alcun ridimensionamento di Camp Darby, anzi siamo in presenza di processi riorganizzativi delle basi militari Usa e Nato in Europa in funzione esclusiva della necessità di avere truppe e supporti da disclocare in rapido tempo nelle aree di guerra. In questa ottica va letto l'accordo tra comando militare Usa e ministero della difesa per restituire alle forze speciali dell'esercito italiano un'area del tutto inutilizzata dagli Usa che nel frattempo hanno ottenuto quanto da anni chiedevano: il collegamento di Camp darby al mare e alla ferrovia per raggiungere le altre basi Usa in Italia e i porti da cui far partire ingenti quantitativi di armi. Parlare, come fa la stampa locale, di area liberata dagli Usa è fuorviante e funzionale ad occultare una realtà ben diversa nella quale le servitu' militari la fanno da padrone.
I cittadini italiani sono sempre piu' all'oscuro di cosa ospiti la base…

INDIVIDUO, COSMOPOLITISMO, UTOPIA