Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

MC CAIN SANTO SUBITO!

Immagine
Riceviamo e pubblichiamo dalla redazione pisana di Lotta Continua
Mc Cain santo subito!
La morte di Mc Cain, il repubblicano che sfidò Obama nel 2008, non ha colto impreparati i mezzobusti televisivi statunitensi, che si preparavano a celebrare questo eroe postmoderno da quando è stato chiaro che la malattia che lo aveva colpito non gli avrebbe lasciato scampo. Da circa tre giorni non c’è programma di approfondimento, notiziario o tribuna politica che non si occupi delle intrepide gesta del defunto senatore ed eroe della guerra del Vietnam. Gli spostamenti della salma, oggetto di un barocco cerimoniale militare, stanno accompagnando pranzi e cene dei cittadini statunitensi da tre giorni. I funerali dei Casamonica, in confronto, sembrano una bambinata! Anche in Italia, passata da poco la sbronza per la canonizzazione di Marchionne, giornali e tv hanno iniziato la beatificazione del nuovo santo laico: John Mc Cain.

Il mito originario, l’evento che sta scatenando questa tempesta emotiva ris…

BENETTON E NON SOLO: profitti sulla nostra pelle

Immagine

POTERE AL POPOLO: UN TITOLO SBAGLIATO

Le pensioni in Europa ....

Forse a molti non è ancora chiaro ma sulle pensioni si gioca il futuro di numerosi leaders europei alla ricerca di voti e di riconferme. In tutta Europa negli ultimi 20 anni hanno innalzato l'età pensionabile accrescendo gli anni contributivi ma allo stesso tempo si sono uniformati i sistemi di calcolo per impedire assegni previdenziali piu' alti. La ragione è sempre la stessa, ossia il contenimento della spesa pubblica .

 "Pensioni stabili e sicure", lo leggiamo nei manifesti dei partiti che governano in Germania o nel Nord Europa operando la rimozione di quanto accaduto in questi anni .
In Italia il sistema di calcolo previdenziale, l'aumento dei contributi rappresentano una costante di tutte le riforme in materia previdenziale. Chunque allora voglia rivedere le politiche del recente passato dovrà vedersela con i parametri di Maastricht oppure tagliare spesa sociale per conquistare un incerto elettorato

 Grande è l'incertezza se perfino la  Cdu-Csu, per ar…

Quanti sono i morti, gli infortuni e le malattie sul lavoro?

Per i morti le statistiche sono semplici, per le malattie e gli infortuni il discorso è piu' complesso perchè innumerevoli malattie non sono riconosciute e tanti infortuni non vengono denunciati. Siamo il paese dove il lavoro nero è ancora diffuso piu' che in altre nazioni del capitalismo avanzato, sovente, nel caso di piccoli infortuni, le denunce non arrivano per evitare controlli che piccole ditte non potrebbero affrontare senza ricevere sanzioni, denunce penali, prescrizioni che le metterebbero in ginocchio. Piccolo ma bello si diceva anni fa, quel piccolo è spesso sinonimo di insicurezza retributiva, contrattuale, di aggiramento delle normative in materia di salute e sicurezza.

Sarà per questo motivo che le statistiche ufficiali  Inail parlano di lieve diminuzione delle denunce di infortunio mortale . Ma i numeri sono comunque preoccupanti, solo nei primi sette mesi del 2018 sono state 587, un anno fa erano state 591 con un calo dello 0,7%. In …

Polizia Municipale: numeri e dati incontrovertibili

Immagine

BASTA CON LE PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICi

Il crollo del ponte di Genova sentenzia che siamo di fronte a una intera classe politica,nazionale e locale che ha agito contro gli interessi dei lavoratori e dei cittadini in ossequio all'ideologia
del profitto e del "privato è bello".
Anche qui da noi in Provincia è stata fatta la stessa cosa, non a caso il nostro personale negli uffici e ridotto all'osso,  le nostre competenze fondamentali tipo la rete stradale e l'edilizia scolastica
versano in condizioni talmente precarie da mettere permanentemente in pericolo la sicurezza di utenti, lavoratori e studenti.
Ma nonostante ciò, di recente il nostro consiglio provinciale ha approvato un atto di indirizzo che prevede 3 ipotesi di riorganizzazione e gestione delle nostre due competenze fondamentali.
1)Esternalizzare a privato il servizio comprensivo di mautenzione e controllo
2)Esternalizzare a privato una porzione di rete stradale.
3)Gestire come ente provincia tutta la manutenzione ordinaria e il controllo.

Noi…

Gli enormi profitti delle concessioni autotrastradali

Il Governo ha deciso di descretare i materiali inerenti le concessioni autostradali e subito il materiale è stato sottoposto a sequestro. Ma dalle prime indiscrezioni scopriamo cifre colossali derivanti dai pedaggi, qualcosa come 32 miliardi di euro, somme cosi' elevante pur non riguardando la totalità delle convenzioni stradali, parliamo infatti solo delle principali. Ma è possibile che i governi degli ultimi lustri non fossero al corrente di queste situazioni? Dubitiamo fortemente, al momento delle privatizzazioni si sapeva la enorme portata della partita in gioco anche se le convenzioni, i piani finanziari delle concessionarie svelano una realtà drammatica, un colossale giro di soldi, sarebbe stato sufficiente impiegare solo una minima parte per assicurare la necessaria manutenzione.

Il sistema autostrade produce miliardi di utili  e altri miliardi finiscono nelle tasche degli azionisti di queste società, un colossale giro di affari consentito dai Governi di centro destra e di…

IL NICARAGUA VA IN FRANTUMI

Immagine

INCROCI PERICOLOSI

Ponti crollati e ponti bombardati

L’arte della guerra

Ponti crollati e ponti bombardati

Manlio Dinucci
«L’immagine è davvero apocalittica, sembra che una bomba sia caduta sopra questa importantissima arteria»: così un giornalista ha descritto il ponte Morandi appena crollato a Genova, stroncando la vita di decine di persone.

Parole che richiamano alla mente altre immagini, quelle dei circa 40 ponti serbi distrutti dai bombardamenti Nato del 1999, tra cui il ponte sulla Morava meridionale dove due missili colpirono un treno facendo strage dei passeggeri.

Per 78 giorni, decollando soprattutto dalle basi italiane fornite dal governo D’Alema, 1100 aerei effettuarono 38 mila sortite, sganciando 23 mila bombe e missili. Furono sistematicamente smantellate le strutture e infrastrutture della Serbia, provocando migliaia di vittime tra i civili.

Ai bombardamenti parteciparono 54 aerei italiani, che effettuarono 1378 sortite, attaccando gli obiettivi stabiliti dal comando statunitense. «Per numero di aerei siamo …

il reddito degli italiani? E' fermo da 10 anni

Il reddito degli italiani è ancora fermo a 2008 e solo 17 città su 108 registrano un lieve, e spesso impercettibile, aumento.  Il presunto recupero del potere di acquisto dopo la crisi del 2008 viene cosi'  smentito, anzi la situazione in molte Province è decisamente peggiorata stando alle dichiarazioni fiscali del 2017 con numerose città meridionali in recessione e perdita di reddito anche nelle principali città italiane, Roma in primis. Ma commetteremmo un grave errore nel pesare che la crisi riguardi solo le aree meridionali, anche il centro Italia e alcune aree del Nord sono interessate alla contrazione del reddito. Questo ed altro si evince, con dati alla mano, dalla inchiesta odierna pubblicata sulle pagine de Il Sole 24 Ore che nell'analisi effettuata tiene anche conto del numero dei contribuenti effettivi rispetto agli abitanti residenti.
Al di là delle statistiche restano i fatti ossia che la crisi economica ha prodotto perdita di posti di lavoro e crisi sociale, g…

Costo del lavoro...

Da anni si parla del costo del lavoro, per alcuni sarebbe la causa della perdita di competitività . Ma le delocalizzazioni sovente nascondono una realtà ben diversa, basti ricordare che diverse industrie non investono in nuovi prodotti e in nuova tecnologia e per risultare competitivi scelgono di ridurre sempre piu' il costo del lavoro delocalizzando produzioni dove per altro non esistono controlli, si puo' sfruttare, inquinare e cementificare impunemente.

Nella ubricataura liberista poi dimentichiamo che le tasse dovrebbero tramutarsi in servizi al cittadino, questi soldi invece sono dirottati al pagamento del vecchio debito, ragione per cui il lavoratore cade nella rete del libero mercato e inconsapevolmente ne diventa sostenitore invocando meno tasse  e soprattutto senza capire che un discorso è tassare i salari, altro ragionamento è invece tassare i grandi capitali .

Il Governo sta lavorando alla riduzione del costo del lavoro e del cuneo fiscale e lo fa per incentivare i…

AVVISO AI NAVIGANTI....