Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

Perchè la militarizzazione del territorio di Pisa e Livorno è inaccettabile

Inutile dirlo ma per anni i pacifisti, gli antimilitaristi sono stati denigrati e derisi anche dai nostri enti locali. Negli ultimi 15 anni l'area tra Pisa e Livorno è stata oggetto di profonde trasformazioni.

In che modo?

Creando una società pubblica ad hoc il cui scopo, lo si capisce solo ora, era non promuovere la cantieristica ma assecondare la militarizzazione dell'area, stiamo parlando della Navicelli spa da cui dipende l'ampliamento del Canale dei Navicelli come richiesto da anni dal comando Militare Usa.
L'ampliamento del canale permetterà alle chiatte Usa di portare armi direttamente via Mare al porto nucleare di Livorno. E la cantieristica? Ben pochi i posti di lavoro creati, allo stesso tempo l'area è stata soggetta a una profonda trasformazione facendo la fortuna di Ikea .

Appendiamo solo ora quanto era già noto da almeno un anno, ossia del fatto che il Governo Italiano asseconderà quello Usa esaudendo il secondo desiderio, quello di collegare direttam…

Una amministrazione comunale che acquista solo tempo su precari, concorsi e potenziamento dei servizi

A seguire il comunicato della conferenza stampa odierna al comune di Pisa. Una panoramica esaustiva dei problemi insoluti, un approccio diretto ai problemi.

i delegati rsu Paola Catapano, Federico Giusti, Giuseppe Merla e Manuela Torresi

Da mesi l'amministrazione comunale sembra colpita da una paralisi decisionale in materia di gestione dei servizi e del personale. La nostra idea è che si voglia solo guadagnare tempo per avviare processi di esternalizzazione negli ultimi mesi di mandato del Sindaco. Sono trascorse settimane da quando è stato portato il turn over dal 25 al 75% ma niente è stato fatto, anzi il piano dei fabbisogni di personale limitato al 25% del turn over è ancora in fase di realizzazione, quindi tardano a venire molti dei concorsi banditi per quei pochi posti disponibili. Il censimento dei precari piu' volte richiesto non è stato fatto; dopo 8 mesi, la consulenza esterna che avrebbe dovuto predisporre il piano di riorganizzazione non ha prodotto risultati, anzi n…

L’«ordine» del G7 è quello Nato

L’arte della guerra


Manlio Dinucci
«Un ordine internazionale basato sulle regole, che promuova la pace tra le nazioni, salvaguardi la sovranità, l’integrità territoriale e l’indipendenza politica di tutti gli stati e assicuri la protezione dei diritti umani»: questo dicono di volere i leader del G7 svoltosi a Taormina, accanto alla base di Sigonella, centro strategico nel Mediterraneo per le guerre e operazioni coperte Usa/Nato che hanno demolito lo stato libico e cercato di fare lo stesso in Siria, accrescendo il tragico esodo di migranti dei cui diritti umani il G7 si dice preoccupato.

Le dichiarazioni ricalcano quelle del Summit Nato di Bruxelles: il G7 è formato dai sei maggiori paesi Nato più il Giappone, principale alleato Usa/Nato in Asia. Non mancano le divergenze economiche e politiche, camuffate da posizioni divergenti su clima e migranti.

Al Summit Nato Trump ha irritato la Merkel e altri,  ricordando che «gli Usa spendono per la difesa più di tutti gli altri paesi Nato mes…

NO AI TRENI DELLA MORTE

Immagine

Ostacoli insormontabili per i contratti del pubblico impiego?

Sono trascorsi pochi giorni dalla approvazione dei decreti Madia e in giro ben pochi ne analizzano i contenuti da un punto di vista critico.

La messianica attesa della direttiva della Funzione pubblica all’Aran indica l'attendismo e la paralisi che contraddistingue i sindacati cosiddetti rappresentativi. Si tace sui contenuti nefasti ( rimandiamo a quanto scritto nel nostro blog) dei decreti pensao che la direttiva ministeriale sia la panacea di tutti i mali: Ma la strada che porta ai contratti è ripida e piena di insidie. Vogliamo entrare nei particolari?

Le risorse
Non ci sono i soldi per arrivate agli 85 euro media di aumenti , servono altri 1,2 miliardi per il contratto degli statali e altrettanti  per  regioni, sanità ed enti locali.. Arriveranno questi soldi? Non primna di autunno quando il Governo discuterà della Manovra economica di fine anno , corriamo comunque il rischio che i soldi dei contratti siano a discapito della stabilizzazione dei precari o siano a detrimento de…

La militarizzazione dell'area pisana

A dicembre  2017 partiranno i lavori per costruire attorno alla base militare Usa di Camp Darby un insieme di infrastrutture che collegheranno la base al mare-via Fosso dei Navicelli- e allo stesso tempo permetteranno alle armi di accedere all'aeroporto di Pisa e al Porto di Livorno via Ferrovia.

Si avvera quanto detto e scritto da pochi per anni, gli stessi che venivano derisi e trattati come degli stupidi ideologici. Quei piani in realtà erano stati richiesti dal comando Usa e accolti dal Governo Italiano e dalle autorità locali che hanno dato il via alle opere.

Si tratta di un'area vasta soggetta anche al controllo dell'Ente parco che dopo un parere negativo oggi parrebbe incline a un atteggiamento collaborativo, pardon subalterno, che poi va in direzione di quant richiesto dai comandi militari Usa, tanto è vero che lo stesso Ente parco ha chiesto un'opera compensativa di 14 ettari accettando che vengano abbattuti quasi 1000 alberi.

Il Pentagono ha bisogno urgente di…

Tagli e solo Tagli

Istruzione, servizi pubblici investimenti destinati alla manutenzione del territorio, tagli soprattutto alla sanità e agli enti locali, di questo stanno parlando da giorni al Governo per ridurre le spese.  Eppure un'alternativa ci sarebbe: far pagare le tasse a chi non le paga, a quanti evadono dal fisco, a chi specula sulla pelle dei lavoratori e delle lavoratrici.
Qualche giorno fa la Guardia di Finanza ha organizzato un convegno con un titolo che non ha bisogno di ulteriori commenti: “la spesa pubblica tra controlli e spending review”

E' interessante guardare alle fonti ufficiali ed estrapolare alcuni dati, infatti si capisce che dal 2009 ad oggi le spese per la istruzione sono passate dal 4,6 del Pil  al 3,8% ma la cifra è destinata a ridursi ulteriormente nei prossimi anni.

Anche il capitolo investimenti è esemplificativo, soprattutto sanità ed enti locali sono colpiti duramente.  Nel nostro paese, sempre piu' povero e disoccupato, le politiche di austerità hanno pro…

Sospeso lo sciopero della fame dei prigionieri palestinesi:Ma Israele rispetterà l'accordo?

Dopo  40 giorni i prigionieri palestinesi sospendono lo sciopero della fame: Ripristinati alcuni diritti per i detenuti. La lotta ha pagato
Nella notte  tra il 26 e il 27 Maggio abbiamo avuto notizia della interruzione dello sciopero della fame dei prigionieri politici palestinesi. Lo sciopero che ha coinvolto centinaia di uomini e donne, si è concluso perché i detenuti hanno ottenuto il riconoscimento di basilari diritti come il miglioramento dell’assistenza sanitaria, la fine dell’isolamento, accesso al sistema educativo, la possibilità di ricevere almeno due visite al mese dei familiari, installazione di telefoni pubblici nelle prigioni, accesso agli apparecchi televisivi installati nelle celle ad un maggior numero di canali in modo da tenersi informati su quanto accade fuori dai penitenziari. (notizie tratte dalle agenzie di stampa palestinesi).

Il governo israeliano , per settimane , si era opposto ad ogni accordo ma il ricovero di 18 detenuti per l'aggravarsi delle condizion…

A fianco dei prigionieri palestinesi in sciopero della fame

A fianco dei prigionieri palestinesi in sciopero della fame

sindacato generale di base

Da settimane sono in sciopero i prigionieri politici palestinesi, in centinaia, uomini e donne, hanno scelto questa forma estrema di lotta e molti di loro sono in condizione di salute preoccupanti.
Il governo di Israele sta reclutando medici stranieri per alimentare forzatamente i prigionieri, un ulteriore danno a quanti hanno già subito isolamento e tortura dentro carceri di massima sicurezza con la luce accesa 24 ore al giorno, privati del contatto con i familiari e di ogni forma di socializzazione.
I familiari dei prigionieri sono soggetti a continue repressioni tra perquisizioni, arresti preventivi e violenze di ogni genere. Le manifestazioni di piazza a sostegno dei prigionieri represse nel sangue con l'opinione pubblica internazionale che riceve notizie costruite ad arte dal Governo per distruggere ogni forma di solidarietà. Sono state diffuse notizie false su prigionieri che avrebbero interrot…

Province: la scoperta dell'acqua calda

a seguire comunicato  Sindacato generale di base e delegati lavoratori indipendenti
Siamo stanchi di ascoltare amministratori locali accorgersi dei problemi di cui sono stati la causa. Parliamo di tutti coloro che hanno appoggiato la Legge Del  Rio e lo smantellamento delle province salvo poi accorgersi che senza fondi e personale la manutenzione delle strade  e delle scuole, la cura del territorio non sono possibili.
Oggi si scopre  che, con il No al referendum per la revisione della Costituzione, le Province potrebbero tornare al voto diretto, una ipotesi che non fa dormire Sole 24 ore e il Governo, tutti a magnificare utilità e necessità della riforma Delrio.
Oggi si scopre che i fatidici risparmi non ci sono, i disservizi invece stanno provocando danni economici , la ripartizione delle funzioni si è dimostrata un flop.
Ci hanno raccontato solo bugie per anni, del resto sarebbe stato sufficiente guardare i dati dell'UPI (unione delle province) per capire che la spesa per le Pr…

Prove di normalizzazione e controllo sociale? A proposito del regolamento per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Questo è quanto abbiamo scritto alla commissione incaricata di redigere il resto finale del Regolamento
delegati e lavoratori indipendenti



La bozza di regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione meriterebbe un confronto pubblico non solo limitato agli ambiti istituzionali, un confronto finalizzato a coinvolgere anche le tante realtà e associazioni che operano sul territorio senza mai avere avuto una interlocuzione istituzionale.
Definire oggi una associazione non è cosa semplice perché sul territorio pisano operano innumerevoli realtà su tematiche assai variegate. Probabilmente manca una anagrafe delle associazioni, delle realtà sindacali, politiche e sociali che costituiscono elemento di democrazia e arricchimento individuale e collettivo,  oltre a coinvolgere centinaia\migliaia di uomini e donne residenti o domiciliati nel comune di Pisa,  città dove la presenza di studenti rappresenta un arricchimento e non un fenomeno da occultare.
Che l'amministrazione com…

Solidarietà con i prigionieri politici palestinesi in sciopero della fame

Immagine
Immagine

Sempre meno i diplomati iscritti all'università

L’università italiana ha sempre meno iscritti e ancor meno frequentanti, in pochi anni registriamo un calo di laureati sempre piu' preoccupante destinato per altro ad aumentare nei prossimi anni.

Basta vedere alcuni dati: il rapporto fra diplomati e immatricolati si ferma al 61%, tre punti meno rispetto al 2010, in 25 anni abbiamo perso oltre il 17% e allo stesso tempo anche i giovani diplomati calano di numero fotografando un paese sempre piu' ignorante, con pochi titoli di studio e finanziamenti in diminuzione alla cultura.

Le famiglie italiane sono impoverite, tagli continui al budget familiare ha resso il diritto alla istruzione un lusso per molti inaccessibile..

Se guardiamo alla spesa media per gli studi universitari si capisce che il numero degli iscritti è in caduta cosi' come la spesa complessiva e la composizione di classe degli universitari esclude ormai gran parte dei figli di operai\e.

Questi e altri dati si evincono dallo studio pubblicato nel Quaderno del…

La Nato e il terrorismo

La Nato in prima fila nella lotta al terrorismo? Verrebbe da ridere se la questione non fosse di inaudita gravità perchè abbiamo ancora in mente le immagini delle devastazioni causate dai bombardamenti della Nato nel mondo

Ora, con la visita di Trump in Italia e il summit a Taorrmina, torna in auge la questione terrorismo
"a difesa delle nostre società aperte". Società aperte è un eufemismo perchè i flussi dei migranti sono fermati in mar Mediterraneo, le società aperte sono in realtà chiuse e le nuove legislazioni, come la Legge Minniti, vanno a colpire gli ultimi. La guerra e la devastazione nel sud del Mondo, la ricerca di una forza di lavoro da sfruttare ai massimi livelli, sono queste le leve della immigrazione e le società occidentali che la guerra alimentano vendendo armi e depredando le economie locali.

La Nato in questi anni non ha combattuto lo Stato Islamico come avrebbe potuto e dovuto, anzi è sembrata piu' interessata a intromettersi nelle dinamiche nazion…

No alla sgombero della casa della donna occupata a Pisa: la repressione non cancella le istanze sociali

Comunicato stampa Sindacato generale di base e delegati e lavoratori
indipendenti

Mala servanen Jin sgomberata e militarizzata: Non allo sgombero.

Questa mattina un inaudito schieramento di CC e Ps ha sgomberato la
casa della donna occupata in via Garibaldi dallo scorso 8 Marzo.

L'immobile, di proprietà comunale, da anni non veniva utilizzato,
l'Amministrazione Filippeschi non è mai stata disponibile a
confrontarsi sull'utilizzo a fini sociali della struttura che un tempo
occupava il centro di accoglienza migranti.

Due sgomberi in poche settimane, entrambi palazzi di proprietà
pubblica (Provincia per la Limonaia e Comune per via Garibaldi), si
adducono motivazioni di pericolosità delle strutture quando per anni
si sono lasciate nel degrado e nell'abbandono.

Il Sindaco Filippeschi è il perfetto attuatore della Legge Minniti,
assenza di dialogo con le realtà sociali, palazzo del Comune
perennemente blindato, una idea della città dove hanno diritto di
cittadinanza solo…

Trump verso il G-Nato di Taormina

L’arte della guerra

Trump verso il G-Nato di Taormina

Manlio Dinucci
Il presidente Trump, dopo essere stato in Arabia Saudita e Israele, il 24 maggio è in visita a Roma, per poi andare il 25 al Summit Nato di Bruxelles e tornare in Italia il 26-27 per il G7 di Taormina e la visita alla base Usa/Nato di Sigonella.

Quali sono gli scopi del suo primo viaggio all’estero? Principalmente tre, spiega il generale McMaster, consigliere del presidente per la sicurezza nazionale: lanciare un «messaggio di unità» a musulmani, ebrei e cristiani; costruire relazioni con i leader mondiali e proiettare la potenza americana all’estero.

La visita a Roma è la terza tappa di quello che viene descritto come un «pellegrinaggio religioso nei luoghi santi delle tre grandi religioni». Il «pellegrino» ha iniziato il viaggio firmando a Riyadh l’accordo per la vendita all’Arabia Saudita di armi Usa per il valore di 110 miliardi di dollari, che si aggiungono a quelle già fornite dal presidente Obama per il va…

Speciale decreti Madia

La Troika esige la riforma della PA. Accontentata dalla santa alleanza sindacati e Governo

Il Governo  ha diffuso un comunicato nel quale manifesta profonda soddisfazione per i decreti Madia e le modifiche apportate al Testo Unico del Pubblico Impiego. Ben pochi saranno i lavoratori e le lavoratrici disponibili ad andare alla fonte, a leggersi la documentazione per discuterla con colleghi\e, quasi tutti proni alla vulgata ufficiale del Governo e di Cgil Cisl Uil .
Proviamo allora per la “svogliata” forza lavoro della Pa a costruire una sintesi partendo proprio dal comunicato ufficiale.
il progressivo superamento della “dotazione organica”

Si superano le dotazioni organiche (quelle che ci dicono quanti sono i posti da coprire in base ai vari profili) perché sarà il limite di spesa l’ elemento centrale delle politiche occupazionali, ovvero le scelte centralistiche della legge di bilancio che l’Europa impone, il governo propone e la maggioranza in parlamento approva. Ma per illudere su…

Droghe o riforme strutturali per il lavoro? In qualunque modo la si metta vogliono provare a fotterci

Se lo sta domandando da giorni anche Il Sole 24 ore , preoccupato dei dati in materia di lavoro provenienti dall'Istat e dall'Inps, preoccupazione che scaturisce dalla fotografia impietosa di un paese con economia stagnante e pochissimi posti di lavoro creati, dipendenti dai regali accordati dal Governo alle imprese sotto forma di sgravi fiscali e contributi.

In Italia nel mese di marzo la disoccupazione è passata all’11,7%, da sei mesi i posti di lavoro nuovi non arrivano, guarda caso da quando sono terminati gli sgravi e i contributi statali per i neo assunti.

Senza sgravi le imprese non assumono, i contratti a termine sono tornati ad essere piu' numerosi di quelli a tempo indeterminato, il lavoro indipendente, anche con il nuovo statuto, non sembra godere di buona salute.

Quanto ha speso il Governo per aiutare le imprese? Quasi 20 miliardi e ha regalato ai padroni uno strumento formidabile contro i padroni:il Jobs Act.

Quali sono gli effetti benefici? Pochi, nessuno…

Niente rinnovi salariali all'orizzonte. Ma il Governo porta a casa quello che voleva, ossia I decreti Madia

Che il rinnovo dei contratti pubblici fosse in subordine alla approvazione dei decreti Madia era cosa risaputa dopo l'accordo tra sindacati e Governo.
Sono trascorsi due anni dal pronunciamento della Consulta che giudicava illegittimo il blocco dei contratti ma i sei anni non erano sufficienti se nel frattempo se ne sono aggiunti altri due, otto anni senza alcun rinnovo e con il potere di acquisto praticamente fermo.
Una scelta arrendevole, quella di cgil cisl uil e autonomi, non adeguatamente contrastata dai sindacati di base.
La campagna denigratoria contro il pubblico, I nuovi codici disciplinari, l'applicazione di codici etici e comportamentali hanno alimentato il clima di paura e di rassegnazione nel pubblico con 3 milioni di dipendenti subalterni ai dettami Governativi e sindacali, alla fine 8 anni senza contratti e con una pace sociale che vede I lavoratori e le lavoratrici incapaci di mobilitarsi anche contro l'arretramento dei salari e le carenze di organico.

Il …

Beni culturali: il nostro sostegno a chi lotta contro il lavoro gratuito e la svalorizzazione della cultura

Da anni assistiamo al progressivo svuotamento della cultura. In che modo? Lesinando fondi, precarizzando la forza lavoro e piegando la cultura al profitto.

Giovani laureati costretti al lavoro gratuito, sovraintendenze al collasso, musei chiusi o aperti a singhiozzo. La cultura è ridotta ai minimi termini, aprire le biblioteche e centri di confronto dovrebbe essere come salvaguardare i granai ma in realtà accade l'esatto contrario.

Eppure il rilancio della cultura potrebbe fare da volano al turismo e all'economia, basterebbe solo un piano nazionale per la cultura a partire da finanziamenti adeguati, riconoscimento delle professionalità e contratti regolari per chi opera nel variegato mondo culturale e della conoscenza.

Anche a Pisa ci sarà una mobilitazione nei prossimi giorni.

Facciamo nostro l'appello lanciato da una fitta rete di associazioni

Per saperne di più: https://miriconosci.wordpress.com/2017/05/02/24-maggio-rilanciamoilpaese-riconoscimento-dignita-e-risorse-per…

Non costa nulla ma difende la libertà di parola, la democrazia e la resistenza alla repressione: il 5x1000 a controlacrisi

Quando fai la denuncia dei redditi, hai una piccolissima arma da utilizzare a fini di pace.

Puoi devolvere il 5x1000 ad una delle poche voci a tutela degli ultimi, dei lavoratori, dei diseredati, di quanti si ostinano a difendere diritti negati e calpestati in nome dell'ordine securitario e del capitale.

Una voce fuori dal coro che ha bisogno di un piccolo e concreto aiuto

Devolvi il 5x1000 a controlacrisi!

http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2017/5/18/49294-cinque-per-mille-a-controlacrisi-il-nostro-spot-e-anche-un/

Basta luoghi comuni e menzogne sul Pisa air show

DIETRO IL PISA AIR SHOW?
LA TRAGEDIA DELLA GUERRA


Un Eurofighter costa oltre 100 milioni di euro e circa 40 mila euro per ogni  ora di volo, li paghiamo noi con le tasse e i tagli alle spese sociali. In un’ora di volo, questo aereo da guerra brucia l’equivalente del salario annuo di
un lavoratore(contributi inclusi), oltre 40 mila euro.
Ancora convinti allora che questa esibizione sia a costo zero come leggiamo da giorni? Ricordiamo poi le spese a carico del Comune di Pisa, decine di dipendenti tra protezione civile, supporti e polizia municipale per due giorni
con un costo di svariate migliaia di euro.

Il 21 maggio, al Pisa Air Show sul litorale Pisa-Livorno non si esibiranno  solo le Frecce Tricolori ma altri aerei, i cacciabombardieri Tornado ed Eurofighter Typhoon, usati nelle guerre contro la Jugoslavia e la Libia.

Questi aerei, mandati a bombardare paesi che non ci avevano né attaccati né minacciati, violando il principio fondamentale della nostra Costituzione sul  ripudio de…

Legge Minniti: se non la contrasti non puoi dirti democratico ed antirazzista

Pensare di scendere in piazza contro il razzismo omettendo ogni critica alla Legge Minniti è una vera e propria contraddizione alla quale siamo del resto abituati da anni con una classe politica ondivaga e incline a messaggi fuorvianti

Del resto, le aggressioni militari vengono ribattezzate missioni umanitarie e gli aerei da guerra portatori di libertà, in questa disinformazione strategia è possibile che i fautori della Legge Minniti scendano in piazza contro quel razzismo che alimentano ogni giorno inseguendo le destre sul terreno securitario.

Induce a qualche riflessione il fatto che in molti si aggreghino a queste manifestazioni di regime  pensando di spostare " a sinistra" equilibri e assetti che invece restano saldamente ancorati a destra.

Per capire da dove parte la svolta securitaria bisogna partire da lontano, ricordare che nel nostro paese gli uomini del fascismo ce li siamo ritrovati nei posti di comando della Repubblica antifascista, i fautori dell'imprigion…

Dopo l'assemblea cittadina del 17:ripartiamo dai posti di lavoro

L'assemblea cittadina di solidarietà ai lavoratori Alitalia è stato un altro passo avanti verso la costruzione di un nuovo modo di intendere e praticare sindacato. Stiamo pensando alle lotte che nei posti di lavoro ricevono consensi reali perché in molte situazione i sindacati concertativi  non sono più' presentabili per le loro scelte subalterne ai datori di lavoro, capaci solo di arrivare alla "riduzione del danno" ma non di fermare i licenziamenti, i tagli salariali, perfino incapaci di presentare idee alternative a quelle della privatizzazione che nel nostro paese ha distrutto l'economia tra delocalizzazioni e scellerati piani industriali destinati solo a incrementare le speculazioni finanziarie.

Quanto accade in Alitalia ci ricorda che nella nostra città gli appalti all'ombra dell'areoporto sono tutti costruiti sulla contrazione dei posti di lavoro e del salario con il dominio del part time e del contratto stagionale, con il ricorso massiccio all&#…

Lunedi' 22 Maggio assemblea cittadina per organizzare iniziative a sostegno dei detenuti palestinesi

Dopo il presidio\conferenza stampa organizzato una settimana fa, nuovo appuntamento per costruire una iniziativa a Pisa a sostegno dei detenuti palestinesi in sciopero della fame da 30 giorni.

Pisa con la sua università e le scuole di eccellenza ha rapporti privilegiati con lo stato di Israele e non a caso dalle stesse istituzioni locali non si è levata alcuna denuncia contro le disumane condizioni in cui versano i detenuti palestinesi.

A seguire l'invito della comunità palestinese a cui aderiamo

Carissimi, la situazione in Palestina si sta aggravando, Gaza assediata e al buio, e le condizioni dei detenuti palestinesi in sciopero della fame diventano, ad un mese ormai dall'inizio, sempre più precarie.

Invitiamo tutte le realtà solidale con la questione palestinese ad un incontro per discutere e organizzare insieme una iniziati che sia di impatto mediatico.

Ci vediamo lunedì 22 maggio 2017 alle ore 19:00 presso il circolo Agorà in via Bovio a Pisa.

Saluti

La comunità palestine…

Gps nei luoghi di lavoro: quando l'ignoranza e la subalternità sindacale produce danni incalcolabili

In numerosi enti, l'installazione del gps e delle telecamere viene vista come una sorta di necessità che passa sopra ogni diritto individuale e collettivo. Una necessità indotta spesso e funzionale ai datori di lavoro che vogliono risparmiare sui tempi di lavoro e di spostamento, ridurre al massimo eventuali sprechi

Eppure basterebbe poco come leggere qualche circolare dell'Ispettorato

Si rinvia alla circolare dell'Ispettorato nazionale Lavoro n. 2 del 07.11.2016.



Commentando l'art. 4 Statuto in relazione all'istallazione del GPS l'ispettorato così conclude:
"In linea di massima, e in termini generali, si può ritenere che i sistemi di sistemi di geolocalizzazione rappresentino un elemento “aggiunto” agli strumenti di lavoro, non utilizzati in via primaria ed essenziale per l’esecuzione dell’attività lavorativa ma, per rispondere ad esigenze ulteriori di carattere assicurativo, organizzativo, produttivo o per garantire la sicurezza del lavoro. Ne consegue c…

GIOVEDI' 18 MAGGIO IN PIAZZA CONTRO LA GUERRA

CAMPAGNA TERRITORIALE DI RESISTENZA ALLA GUERRA / AREA PISA LIVORNO

COSA SI NASCONDE DIETRO AL PISA AIR SHOW?


LA TRAGEDIA DELLA GUERRA
LE SPESE MILITARI
LA MILITARIZZAZIONE DEL TERRITORIO
LA RICERCA NON A FINI PACIFICI MA SOLO PER INCREMENTARE IL COMMERCIO DI ARMI

ALLORA?

PRESIDIO/CONFERENZA STAMPA

GIOVEDI’ 18 MAGGIO, ORE 17,

DI FRONTE AL COMUNE DI PISA


L’esibizione al Pisa Air Show, insieme alle Frecce tricolori, dei cacciabombardieri Eurofighter Typhoon e Tornado  costituisce non semplicemente un “programma arricchito”, come afferma il comunicato congiunto Comune-Aeronautica ( http://www.pisainformaflash.it/notizie/dettaglio.html?nId=31134 ),

ma un sostanziale cambiamento del carattere della manifestazione. Poiché questi aerei sono stati e vengono usati nelle guerre in Nordafrica e Medioriente, il Pisa Air Show assume un alto valore simbolico dal punto di vista militare, con conseguenti rischi alla sicurezza degli spettatori derivanti non solo dai problemi del traffico.

Gli or…